Gli ultimi articoli di: Rav Scialom Bahbout

Il lume di Chanukkà che diede forza a George Washington

Racconto di un soldato ebreo che combatté al fianco del presidente Washington all’inizio della creazione degli Stati Uniti d’America: Chanukkà del 1777. Un inverno pesante. Un freddo terribile. Noi ci trovavamo nella Valley Forg e aspettavamo. Perché? Non lo sapevo. Forse in attesa di giorni migliori di quelli. Io sono qui l’unico ebreo. Forse ci…
Leggi tutto
Rav Scialom Bahbout
Rav Scialom Bahbout

Rosh ha Shanà: inizi l’anno e i suoi frutti

Ogni mitzvà consta di due aspetti: l’azione richiesta per effettuarla e la kavvanà, cioè l’intenzione che si deve avere nel momento in cui la si esegue. In un certo senso ogni mitzvà consta di due parti: una è il “corpo” e l’altra l’ ”anima” della mitzvà stessa. Se si mangia la matzà la sera di…
Leggi tutto
Rav Scialom Bahbout
Rav Scialom Bahbout

In ricordo di Shalom Tesciuba z’l

Ho avuto modo di conoscere Shalom Tesciuba z'l da vicino molti anni fa, quando in qualità di responsabile del DAC, il Dipartimento di assistenza cultuale e culturale alle Comunità, mi occupavo delle piccole comunità. Una delle attività più impegnative, e per la quale era difficile un tempo trovare delle soluzioni, era quella di organizzare la…
Leggi tutto
Rav Scialom Bahbout
Rav Scialom Bahbout

Pesach: in attesa del ritorno del quinto figlio

La Hagadà di Pesach (il testo che si legge durante la cena della sera della festa, ndr) contempla che il racconto dell’uscita e della liberazione dall’Egitto debba essere raccontato ai figli in maniera diversa a seconda del loro carattere e del loro modo di essere. Quattro figli diversi uno dall’altro: il sapiente, il malvagio, il…
Leggi tutto
Rav Scialom Bahbout
Rav Scialom Bahbout

Chanukkà a Buchenwald

Inverno, festa di Chanukkà 5706 (1945). Un bambino di sei - sette anni e suo fratello di nove, due tra 300 bambini scesi dalle navi, scampati dai campi di concentramento di Bergen Belsen e Buchenwald, vengono inviati nei campi di raccolta dei profughi, appena arrivati in Israele. I due bambini discendono da una famiglia di…
Leggi tutto
Rav Scialom Bahbout
Rav Scialom Bahbout

Rosh ha Shanà: oltre i limiti delle parole

“Beato il popolo che conosce la Teru’à, Signore, alla luce del tuo volto essi procederanno (Salmi 89,17) La Torah non dice espressamente che il giorno di Rosh ha Shanà (il capodanno ebraico) si debba suonare lo Shofar: il primo giorno del settimo mese (Tishrè) “sarà per voi giorno di Teru’à” (Numeri 29: 1) e ancora…
Leggi tutto
Rav Scialom Bahbout
Rav Scialom Bahbout

Shavuot: dalla matzà al pane lievitato

La Torah stabilisce che a partire dal primo giorno di Pèsach, festa delle matzot, si debbano contare sette settimane, per festeggiare il cinquantesimo giorno, una nuova festa, cui la Torah dà il nome di Shavuot, settimane. La festa è anche chiamata zeman matan toratenu, tempo del dono della Torah. In effetti la festa è caratterizzata…
Leggi tutto
Rav Scialom Bahbout
Rav Scialom Bahbout
  • Progetto Dreyfus su Instagram

  • FOLLOW US