Storie Shoah, il sergente americano che salvò 200 ebrei dai nazisti

Avatar
Redazione
-
Storia

Storie Shoah, il sergente americano che salvò 200 ebrei dai nazisti

Storia
Avatar
Redazione

Quella che vi stiamo per raccontare è una storia di coraggio. Di come un sergente dell’esercito americano salvò 200 ebrei, la cui vita poteva mettere in pericolo la sua e quella degli altri del suo drappello.

Si stava per entrare nell’ultimo anno della Seconda Guerra Mondiale, la vittoria degli Alleati si stava per concretizzare, ma i sussulti della Germania nazista tenevano ancora in piedi lo spietato disegno di morte di Adolf Hitler, reso possibile anche da tutti coloro che lo appoggiarono per tornaconto e avidità.

Era il dicembre 1944 e il Terzo Reich lanciò l’offensiva delle Ardenne, ultimo grande tentativo tedesco sul fronte occidentale, in origine chiamato “operazione Wacht am Rhein” (guardia al Reno) per nasconderne la vera natura, e successivamente rinominato “Herbstnebel” (Nebbia autunnale) che terminò al fine di gennaio dell’anno successivo.

Durante l’attacco in territorio belga, i nazisti catturarono 1000 soldati americani deportandoli in un campo di lavoro nei pressi della città tedesca di Ziegenhain. Al capo di quella legione gli fu ordinato di fare i nomi dei soldati ebrei che componevano la sua legione.

Quel capo era il Sergente Maggiore dell’Esercito americano, Roddie Edmonds, ignaro che il suo coraggio l’avrebbe portato a diventare un Giusto fra le nazioni.  Roddie Edmonds radunò i suoi uomini, dicendogli di rimanere uniti qualsiasi cosa fosse accaduta.

E “qualcosa” accadde. Edmonds disse che tutti i suoi militari erano ebrei a un comandante tedesco, che lo minacciò con una pistola alla tempia. Il Sergente non indietreggiò e con estremo coraggio disse:

“Se spari a me, dovrai farlo anche a tutti i miei soldati e ne dovrai rendere conto al tribunale che ti giudicherà quando la guerra sarà finita”.

Il comandante nazista ritirò l’arma e 200 ebrei ebbero salva la vita. Quelle parole salvarono anche quella di Paul Stern che a decenni di distanza ha sempre affermato: “Mi sembra ancora di sentirle”.

Come spesso accade in questi casi, l’episodio rimase sconosciuto per 50 anni. A sverlarlo fu Chris, figlio di Roddie Edmonds, che dopo molte ricerche scoprì l’eroico gesto del padre.

 

  • Progetto Dreyfus su Instagram

    This error message is only visible to WordPress admins

    Error: API requests are being delayed for this account. New posts will not be retrieved.

    There may be an issue with the Instagram access token that you are using. Your server might also be unable to connect to Instagram at this time.

    Error: No posts found.

    Make sure this account has posts available on instagram.com.

    Click here to troubleshoot

  • FOLLOW US