Pesach: in attesa del ritorno del quinto figlio

Rav Scialom Bahbout
Rav Scialom Bahbout
-
Ebraismo

Pesach: in attesa del ritorno del quinto figlio

Ebraismo
Rav Scialom Bahbout
Rav Scialom Bahbout

pesach-seder-hagada-progetto-dreyfus

La Hagadà di Pesach (il testo che si legge durante la cena della sera della festa, ndr) contempla che il racconto dell’uscita e della liberazione dall’Egitto debba essere raccontato ai figli in maniera diversa a seconda del loro carattere e del loro modo di essere.

Quattro figli diversi uno dall’altro: il sapiente, il malvagio, il semplice e quello che non sa porre domande.

La domanda è se si tratti di figli diversi oppure di svariati momenti di essere dello stesso figlio, di ognuno di noi che può passare dall’essere sapiente, ad allontanarsi dalla sua identità (fino a non riconoscersi come membro della collettività di Israele), a quello che non è più capace di porre domande se non in modo semplicistico, oppure ancora fino al punto in cui non è neanche in grado di porre domande.

Oppure forse i figli di cui parla la Hagadà appartengono a quattro generazioni diverse: la prima generazione è quella saggia e sapiente, la seconda “intellettualistica”, figlia dell’illuminismo, utilizza le conoscenze per ridicolizzare la propria storia e negare la propria identità, la terza è quella del figlio della seconda generazione che non è mai venuto a contatto con la cultura e la tradizione ebraica e che tuttavia il padre, il figlio dell’uomo sapiente, porta alla tavola del Seder (il rituale che precede la cena in cui si racconta l’esodo degli ebrei dall’Egitto, ndr) e che ignaro di tutto ciò chiede semplicemente “Cosa è tutto ciò?”. La quarta generazione non sa neanche porsi le domande e allora sta a noi cercare di metterlo nelle condizioni di porsi domande e dargli delle risposte.

Il testo della Hagadà non parla di un quinto figlio, quello che non siede più alla tavola del Seder: quello che non è sopravvissuto o alle persecuzioni che si sono avvicendate nella storia fino alla Shoah o che si è allontanato e assimilato o è diventato un “marrano”, poi convertito in seguito alla Cacciata degli ebrei dalla Spagna nel 1492. Il quinto figlio è quello che – come il quinto bicchiere che si riempie e non si beve – il profeta Elia condurrà a casa, quando verrà ad alzare il quinto calice: ognuno di questi figli tornerà finalmente a casa.

Tornare a casa, esattamente come farà il quinto figlio, è compito di ognuno. Allora anche il profeta Elia potrà venire e annunciare che la redenzione è vicina, così come è scritto “In Nissan sono stati redenti e in Nissan verranno redenti in futuro”.

(Nell’immagine in alto: “Il Seder di Pesach”, di Emanuele Luzzati)

  • Progetto Dreyfus su Instagram

    This error message is only visible to WordPress admins

    Error: API requests are being delayed for this account. New posts will not be retrieved.

    There may be an issue with the Instagram access token that you are using. Your server might also be unable to connect to Instagram at this time.

    Error: No posts found.

    Make sure this account has posts available on instagram.com.

    Click here to troubleshoot

  • FOLLOW US