L’Algoritmo Viterbi, uno dei tanti schiaffi alle leggi razziali

Andrea Viterbi, l'ebreo italiano che rivoluzionato le telecomunicazioni

Simone Perugia
Simone Perugia
-
Hi-tech

L’Algoritmo Viterbi, uno dei tanti schiaffi alle leggi razziali

Andrea Viterbi, l'ebreo italiano che rivoluzionato le telecomunicazioni

Hi-tech
Simone Perugia
Simone Perugia

Viterbi

In questi giorni Andrea Viterbi sta riscuotendo clamore per la messa in vendita della sua villa di San Diego al prezzo di 60 milioni di dollari. Ma chi è Andrea Viterbi?
Ebreo bergamasco, è riconosciuto dal mondo accademico come il telecomunicazionista vivente più importante del pianeta. Fuggito dall’Italia nel 1939 a causa delle leggi razziali, negli Stati Uniti ebbe modo di manifestare la sua genialità donando al mondo invenzioni che rivoluzionarono la telefonia cellulare. Famoso per l’omonimo Algoritmo, fondò la Qualcomm, i cui microprocessori sono presenti in molti modelli di telefoni cellulari, smartphone e tablet.

Per comprenderne le dimensioni e l’importanza, basti pensare che la Qualcomm, tra l’altro, è proprietaria di brevetti UMTS per le reti cellulari 3G.  L’Algoritmo di Viterbi viene utilizzato quotidianamente da tutti noi: i navigatori GPS possono applicarlo per calcolare i percorsi più veloci per arrivare a destinazione, i cellulari lo usano per decodificare i codici convoluzionali che consentono di rendere più robuste le comunicazioni wireless, rilevando e correggendo eventuali errori durante la ricezione dei dati.

Insomma, un vero e proprio orgoglio del mondo ebraico che si aggiunge all’ampio ventaglio di scienziati ebrei costretti a scappare durante le persecuzioni razziali e che permisero di rendere migliore la nostra quotidianità. Tristemente, la mente non può non pensare a quanti potenziali scienziati e inventori ebrei se ne sono andati nei campi di sterminio nazisti, a quante invenzioni non inventate, a quante scoperte non scoperte.

  • Progetto Dreyfus su Instagram

  • FOLLOW US