Gerusalemme, capitale di Israele, Sede dell’ONU?

Rav Scialom Bahbout
Rav Scialom Bahbout
-
Ebraismo, Israele

Gerusalemme, capitale di Israele, Sede dell’ONU?

Gerusalemme, capitale di Israele, Sede dell’ONU?

La storia ebraica è un continuum, in cui passato, presente e futuro sono in fondo una manifestazione dello stesso messaggio e sono in un certo senso contemporanei. Proprio alla luce di questo concetto, che i Maestri esprimono con la frase “Le azioni dei padri sono come un simbolo per i figli”, possiamo interpretare la risoluzione dell’ONU del 29 novembre 1947, che consentiva al popolo ebraico di tornare a creare un proprio Stato in quella che allora si chiamava Palestina (nome derivante dai Filistei, popoli del mare che l’avevano occupata).

Il consenso internazionale è simile a quello che permise a Ezrà di tornare nella terra d’Israele con il consenso che proveniva dall’editto di Ciro, l’imperatore che aveva sconfitto i Babilonesi e che quindi aveva il diritto di riconsegnare agli ebrei la loro terra.

Il fatto che i popoli saliranno al Monte dell’Eterno, al monte di Sion, non significa che tutte le nazioni si debbano convertire all’Ebraismo, pretesa che esso non ha mai avuto. Questo concetto è bene espresso dal profeta Michea (4: 1-5):

Alla fine dei giorni avverrà che il monte della casa del Signore sarà stabile sulla cima dei monti, alto più delle colline. Affluiranno verso di lui i popoli. Numerose nazioni si incammineranno e diranno: “Venite, saliamo al monte del Signore, alla casa del Dio di Giacobbe, che ci insegni le sue vie e noi cammineremo nei suoi sentieri” Perché da Sion verrà la legge e la parola del Signore da Gerusalemme! Egli governerà numerosi popoli e sarà arbitro di potenti nazioni, essi trasformeranno le loro spade in vomeri e le loro lance in falci; un popolo non leverà più la spada verso un altro, né si eserciterà più alla guerra. Ciascuno starà seduto sotto la sua vite e sotto il suo fico, senza essere molestato! E’ la bocca del Signore ha parlato! Perché tutti i popoli cammineranno ciascuno nel nome del suo dio; noi cammineremo nel nome del Signore nostro Dio in eterno e per sempre!

Secondo quanto afferma il profeta, Gerusalemme sarà il punto di riferimento per il futuro dell’umanità e tutti i popoli dovranno recarsi a Gerusalemme per affermarvi i principi della pace universale che nessuno ha saputo esprimere in maniera più compiuta dei profeti d’Israele.

Secondo la tradizione ebraica, la terra del suo Santuario è stata utilizzata come catalizzatore della creazione e pertanto Gerusalemme è l’ombelico del Mondo, il suo destino sarà di tornare a essere il centro del Mondo e la Gerusalemme terrestre diventerà Gerusalemme celeste. È scritto però:

“Il Santo, benedetto Egli sia, ha detto: non entrerò nella Gerusalemme celeste fino a quando non entrerò in quella terrestre” (Ta’anit 5a).

Bisognerà prima che l’umanità riconosca il significato originario e terrestre di Gerusalemme per poter aspirare a entrare in quella celeste.

Gerusalemme, la città che ha rivestito e riveste un ruolo così centrale nella storia d’Israele e non solo, rappresenta un punto comune di riferimento per gran parte dell’umanità: non sarebbe questa la sede più naturale e idonea per un’organizzazione come l’ONU che ha il compito di operare per portare la pace nel mondo?

  • Progetto Dreyfus su Instagram

    This error message is only visible to WordPress admins

    Error: API requests are being delayed for this account. New posts will not be retrieved.

    There may be an issue with the Instagram access token that you are using. Your server might also be unable to connect to Instagram at this time.

    Error: No posts found.

    Make sure this account has posts available on instagram.com.

    Click here to troubleshoot

  • FOLLOW US