18 luglio 1994, attentato al centro ebraico AMIA di Buenos Aires

Redazione
-
Storia

18 luglio 1994, attentato al centro ebraico AMIA di Buenos Aires

Storia
Redazione

L’attentato al centro ebraico di AMIA di Buenos Aires è ricordato come il più feroce contro la comunità ebraica argentina, la più numerosa di tutto il Sud America. Erano le 9.58 del 18 luglio1994 quando morirono 85 persone e ne vennero ferite 300 a causa dello scoppio di un furgone carico di tritolo nel parcheggio dell’Associazione Mutualità Israelita Argentina (AMIA) e della Delegazione delle associazioni israelite argentine.

Tra depistaggi, false testimonianze e coperture, le indagini si sono rivelate senza blocco per decenni, riecheggiando gli attentati avvenuti in Italia nei cosiddetti Anni di Piombo. Passava il tempo e la strage all’AMIA ancora non aveva un colpevole, fin quando una collaborazione internazionale non portò alla luce una serie di telefonate tra Iran e Hezbollah.

Ma non solo, perché senza gli appoggi di gruppi del terrore locali Iran e Hezbollah non avrebbero potuto portare avanti il progetto che poi diventò una strage.

La triangolazione ebbe la regia a Teheran che ordinò il piano per vendicare la mancata conclusione di accordo nucleare e si avvalse di squadristi agenti in America Latina, soprattutto in Argentina e in Paraguay, appoggiati da finte agenzie di viaggio che servivano da copertura per gli 007 sotto l’egida di Mohsen Rabbani, l’addetto culturale dell’ambasciata iraniana: o meglio, ufficialmente ricopriva quella posizione ma in realtà era un agente segreto decisivo per l’attuazione dell’attentato e  nella ricerca del kamikaze.

Un episodio terribile contro gli ebrei che ha portato con sé anche un’altra morte: quella del magistrato Alberto Nisman, secondo cui la presidente argentina Cristina Fernández coprì il coinvolgimento dell’Iran nell’attentato contro l’AMIA.

Alberto Nisman venne trovato morto in quello che inizialmente era stato fatta apparire come un suicidio, ma in realtà fu un omicidio.

  • Progetto Dreyfus su Instagram

  • FOLLOW US