Perché l’Italia continua a votare contro Israele alle Nazioni Unite?

Ugo Volli
Ugo Volli
-
Israele, pregiudizio antisraeliano

Perché l’Italia continua a votare contro Israele alle Nazioni Unite?

L’Italia ci è ricascata. Dopo le “otto risoluzioni otto” contro Israele di quindici giorni fa, l’Assemblea Generale dell’Onu ne ha approvate altre sei sabato scorso. E come l’altra volta, l’Italia ha approvato la maggior parte delle risoluzioni. Si è astenuta questa volta da una mozione che richiede la restituzione alla Siria delle alture del Golan, da cui fino al ‘67 Assad bombardava regolarmente le città e i kibbutz italiani intorno al Lago di Tiberiade, ma ha approvato quella che condanna il controllo israeliano di Gerusalemme, dicendo due enormi falsità, cioè che non vi sarebbe rapporto fra popolo ebraico e la capitale di Davide, Salomone e di tutto l’ebraismo fino a oggi, e che nella città non ci sarebbe libertà religiosa, quando è vero esattamente il contrario, cioè che per la prima volta da sempre l’appartenenza di Gerusalemme a Israele permette a chiunque di pregarvi tranquillamente come vuole. Si è astenuta su una risoluzione minore, che assegna un budget per le attività antisraeliane che l’Onu organizza, ma ne ha approvata un’altra che stabilisce l’organismo che promuove queste attività. Ha approvato la più politica, che invocando una “soluzione pacifica” del conflitto, lo incolpa solo a Israele e si è infine astenuta sull’istituzione di un “comitato per gli inalienabili diritti del popolo palestinese, fra cui naturalmente è inclusa la distruzione di Israele. A questi voti bisogna aggiungere un piccolo (ma non tanto piccolo) scandalo: Il sito del governo italiano ha dichiarato che l’altro giorno il presidente del consiglio Conte ha ricevuto “il presidente della Palestina” come se fosse uno stato. Ora l’Italia non riconosce lo “stato di Palestina” ma l’ “Autorità palestinese” che non è uno stato: chi ha cambiato le carte in tavola?

Se volete vedere i tabelloni, da cui risultano le luci gialle (per l’astensione) e verdi (per l’approvazione) rispetto a queste mozioni, li trovate qui (in fondo all’articolo). Scoprirete uno strano fenomeno e cioè che l’Italia ha votato come quasi tutta l’Unione Europea (salvo Malta, quasi sempre contro Israele e l’Ungheria, quasi sempre favorevole. E che l’Unione Europea si è allineata alla Russia, che notoriamente è il protettore dell’arcinemico di Israele, l’Iran.  Questo allineamento dell’Europa alla Russia (contro gli Usa, l’Australia, il Canada, in un paio di occasioni anche la Gran Bretagna) dà certamente da pensare, soprattutto a quelli che si illudono che l’UE sia la custode dello spirito occidentale contro il “sovranismo” di Trump.

Ma io sono soprattutto preoccupato dell’Italia. Perché il nostro paese, il cui vice-premier Salvini ha sempre proclamato il suo appoggio a Israele e che alla faccia degli ebrei “progressisti” che hanno tanto peso nelle organizzazioni comunitarie e sui media, sarà gradito ospite dello stato ebraico fra una decina di giorni e ha spesso proclamato di essere “amico e fratello di Israele”, manifestando altrettanto spesso la propria amicizia agli ebrei italiani – perché dunque il governo in cui Salvini è parte essenziale, si allinea all’odio dell’Unione Europea per Israele?

Ci sono diverse risposte, che vanno tutte considerate. La prima è che l’apparato stesso del Ministero degli Esteri italiano, salvo qualche lodevole eccezione, è allineato al vecchio filoarabismo dell’Italia dei Moro, Craxi, d’Alema. Lasciato a se stesso, ha il riflesso condizionato di votare contro Israele, come nel caso dell’Unesco, che fece scandalo durante il governo Renzi e dallo stesso Renzi fu sconfessato. La seconda causa è che il ministro degli esteri Moavero appartiene pienamente a questo ambiente, non è stato scelto dalla coalizione ma imposto da Mattarella e cerca di fare una politica di appoggio all’Unione Europea e dunque all’odio antisraeliano di Mogherini. I voti all’Onu non vengono discussi in consiglio dei ministri e rientrano nella autonomia del ministro.

La terza ragione è la più pericolosa. Il ministero attuale mette assieme due partiti molto lontani fra loro in molte cose fra cui la politica estera. La Lega è amica di Israele e realista in politica estera. I 5 stelle sono in buona parte di estrema sinistra e dunque nemici di Israele e dell’America: Fico è favorevole all’immigrazione islamica come Boldrini; è d’accordo con Grillo nell’appoggio all’Iran. Queste posizioni filoiraniane sono ancora quelle del movimento. Nel frattempo:  Di Battista appoggia le colonne degli immigrati clandestini che vogliono sfondare il confine americano e in generale è nemico degli yankees; Manlio Di Stefano, che i 5 stelle sono riusciti a piazzare anche come sottosegretario agli esteri con responsabilità sul Medio Oriente, è a sua volta nemico dichiarato di Israele “ha un problema con gli ebrei” : a sentire il Foglio i 5 stelle sono il partito più antisraeliano nel panorama politico italiano.

Dato che il panorama è quello, c’è da essere contanti che la spinta terzomondista, filo-immigrazione, antiamericana e anticapitalista dei 5 stelle sia almeno in parte bloccata da Salvini. Immaginatevi che cosa sarebbe la posizione italiana se si fosse formato il governo M5s/PD/LEU che voleva Mattarella con il coro dei grandi editorialisti della stampa, come Scalfari e di tutta l’ala sinistra del PD, come Zingaretti.

Bisogna però accennare a un’altra causa di queste posizioni che è una certa distrazione o confusione della Lega, che lascia che l’Italia si allinei politicamente all’Europa non solo nel caso di Israele, ma anche sulla Brexit, sulle sanzioni minacciate a Polonia e Ungheria per politiche interne sgradite a Bruxelles. Manca la lucidità o la forza progettuale per capire che se si vuole cambiare radicalmente l’Europa, questo deve avvenire innanzitutto contrastando la sua politica estera, che è francamente imperialista e neocoloniale. E’ chiaro che non si possano aprire contemporaneamente tutti i fronti, ma bisogna sperare che Salvini riesca a concretizzare anche in campo della politica estera l’appoggio a Israele, l’ostilità per il “global compact” che protegge l’immigrazione, la difesa dell’autonomia politica degli stati membri e non membri dell’Unione Europea (per citare due casi di cui in Italia non si è parlato: la Svizzera e la Macedonia) che l’Unione Europea stessa cerca di ricattare.

  • Progetto Dreyfus su Instagram

  • FOLLOW US