“Attraverso la memoria”, la camminata per ricordare gli ebrei in fuga da St. Martin Vesubie

Avatar
Redazione
-
News

“Attraverso la memoria”, la camminata per ricordare gli ebrei in fuga da St. Martin Vesubie

News
Avatar
Redazione

La traversata degli ebrei in fuga da St. Martin Vesubie (comune francese che si trova nel dipartimento delle Alpi Marittime della regione della Provenza-Alpi-Costa Azzurra) avvenuta fra l’8 e il 13 settembre 1943 è stata ricordata da una bellissima iniziativa organizzata da Sandro Capellaro dell’associazione Giorgio Biandrata di Saluzzo: la camminata “Attraverso la memoria”. Domenica scorsa moltissime persone hanno raggiunto il Colle Ciriegia per non dimenticare una vicenda molto triste della storia del popolo ebraico durante la Seconda Guerra Mondiale.

Fra i discorsi dei presenti, ce ne sono stati due che hanno destato molta emozione. A tenerli sono state Arielle e Adina Bier, arrivate per l’occasione direttamente da Berlino, città nella quale risiedono. Le due sono le nipoti di Gitta Horowitz che con la sorella Chaya fece la traversata, riuscendo a trovare rifugio assieme alla madre in Valle Gesso, grazie a don Brondello, che per l’eroico gesto è stato insignito con il riconoscimento di Giusto fra le Nazioni. Arielle e Adina erano accompagnate dal padre Michael.

Anche il versante francese ha visto la presenza di tante persone, tra cui il presidente dello Yad Vashem di Nizza, Daniel Mercier, che insieme ad alcuni insegnanti e studenti hanno letto i nomi dei bambini che non riuscirono a sfuggire alla barbarie naziste e vennero deportati. Gigi Garelli, membro dell’Istituto storico della Resistenza, ha tenuto una riflessione, sottolineando l’attualità della commemorazione che crea un ponte ideale fra passato e presente.

Sandro Capellaro ha ricordato la figura di Charles Roman, morto il 20 maggio a New York:

Charles è il bimbo che compare nella fotografia riprodotta sempre sulla prima pagina del nostro volantino e immagine simbolo di “Attraverso la Memoria”. Fu scattata dalla madre e Charles è il bambino caricato sulle spalle dell’adulto nella difficile impresa di scavalcare le Alpi.

La camminata “Attraverso la memoria” è una di quelle iniziative che non solo serve a ricordare tragici episodi accaduti pochi decenni fa, ma sono determinanti come momento di studio per i giovani, che troppo spesso leggono la storia credendo di non farne parte.

  • Progetto Dreyfus su Instagram

  • FOLLOW US