Austria, il Parlamento all’unanimità condanna il BDS

Avatar
Redazione
-
BDS

Austria, il Parlamento all’unanimità condanna il BDS

BDS
Avatar
Redazione

Austria BDS Israele.

Il parlamento austriaco ha approvato all’unanimità una risoluzione che condanna il movimento di boicottaggio, disinvestimento e sanzioni (BDS) contro Israele.

Tutte e cinque le parti rappresentate nel Consiglio nazionale austriaco hanno appoggiato il testo della risoluzione “Israel-related anti-Semitism”, che esorta il governo di Vienna a: “Condannare fermamente il movimento BDS e i suoi obiettivi, in particolare la richiesta di boicottaggio di prodotti, imprese, artisti, scienziati o atleti israeliani”.

Il testo della risoluzione, fra l’altro, recita:

“Il Consiglio nazionale condanna energicamente tutti i tipi di antisemitismo, compreso l’antisemitismo legato ad Israele, e invita il governo federale a confrontarsi con determinazione e conseguentemente su queste tendenze”.

La decisione del Parlamento austriaco è salutata con favore dal ministro degli Esteri dello Stato ebraico, Israel Katz, che ha dichiarato: “la decisione molto importante può servire da esempio per altri paesi in Europa e nel mondo”, invitando altri paesi e parlamenti “a seguire le orme dell’Austria e ad adottare risoluzioni simili”.

Lukas Mandl, membro austriaco del Parlamento europeo, ha affermato che con questa risoluzione che l’Austria “si schiera dalla parte di Israele – non a cuor leggero, ma con piena convinzione”. 

Mandl, che presiede il TFI, un gruppo interparlamentare interpartitico che si definisce “impegnato a rafforzare il partenariato trilaterale tra Stati Uniti, Israele ed Europa”, ha continuato:

“Israele è il partner chiave dell’Europa in Medio Oriente per la sicurezza, la cooperazione economica e la creazione di posti di lavoro e condivide i nostri valori fondamentali dello stato di diritto e della democrazia”.

Con la risoluzione approvata dal Parlamento, l’Austria non dovrebbe fornire alcuna infrastruttura alle organizzazioni che rilasciano dichiarazioni antisemite o mettono in dubbio il diritto di Israele di esistere. Il governo austriaco, inoltre, è chiamato a “non sostenere finanziariamente o in alcun altro modo” eventi organizzati dal movimento BDS o da gruppi che promuovono i suoi obiettivi.

L’Austria condanna il BDS, il movimento che da anni ha messo Israele nel mirino solo per giustificare la propria avversione verso lo Stato e il popolo ebraico. 

  • Progetto Dreyfus su Instagram

  • FOLLOW US