Ue finanzia terrorismo palestinese sfruttando un cavillo

Avatar
Redazione
-
News

Ue finanzia terrorismo palestinese sfruttando un cavillo

News
Avatar
Redazione

L’UE ha trovato il modo di finanziare il terrorismo palestinese attraverso un cavillo che le permette di aggirare le leggi da essa stessa adottate. 

A renderlo noto è stato proprio il rappresentante UE in Cisgiordania e Gaza, Sven Kuhn von Burgsdorff, che ha indirizzato una lettera ufficiale datata 30 marzo alle ong palestinesi, scrivendo quanto segue:

“Sebbene entità e gruppi inclusi negli elenchi restrittivi dell’UE (in quanto terroristi) non possano beneficiare di attività finanziate dall’UE, è inteso che una singola persona fisica affiliata, simpatizzante o sostenitrice di uno dei gruppi o entità menzionati negli elenchi restrittivi dell’UE non è di per sé esclusa dal beneficiare delle attività finanziate dall’UE”.

In estrema sintesi è un modo che permette a singole persone o organizzazioni di ricevere soldi dall’Unione Europea e girarli a gruppi terroristici, che in quanto tali non posso usufruire direttamente di finanziamenti europei.

La missiva scritta Sven Kuhn von Burgsdorff prosegue:

“L’UE non chiede a nessuna organizzazione della società civile di cambiare la sua posizione politica nei confronti di alcuna fazione palestinese o di discriminare qualsiasi persona fisica in base alla sua appartenenza politica”.

Missiva che non arriva a caso, ma fa seguito alle numerosi proteste fatte dalle organizzazioni non governative palestinesi, i quali volevano che l’Europa cancellasse la clausola, secondo cui i finanziamenti dovessero essere elargiti solo a gruppi che non avevano legami con il terrorismo.

Un esempio su tutti, quello del Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina (PFLP), che secondo queste ong palestinesi è solo un “partito politico”, ma l’Unione Europea invece ritiene essere un gruppo terroristico.

Il rimando a una struttura partitica strizza l’occhio alla divisione che l’Europa ha sempre fatto di Hezbollah, dividendo l’ala politica da quella militare, e che recentemente è stata messa al bando nella sua interezza dalla Germania.

Con la lettera di Sven Kuhn von Burgsdorff è divenuto lampante che terroristi palestinesi possono partecipare legalmente alle attività finanziate dall’UE.

Qualcosa continua a non tornare nel rapporto che lega l’Unione Europa e la galassia palestinese…

  • Progetto Dreyfus su Instagram

    This error message is only visible to WordPress admins

    Error: API requests are being delayed for this account. New posts will not be retrieved.

    There may be an issue with the Instagram access token that you are using. Your server might also be unable to connect to Instagram at this time.

    Error: No posts found.

    Make sure this account has posts available on instagram.com.

    Click here to troubleshoot

  • FOLLOW US