Distrutti tunnel Hezbollah, Israele lancia lo “Scudo del nord”

Redazione
-
News

Distrutti tunnel Hezbollah, Israele lancia lo “Scudo del nord”

News
Redazione

Israele ha distrutto i tunnel Hezbollah. Lo Stato ebraico ha lanciato l’operazione “Scudo del nord” per fronteggiare il terrore che stava arrivando dal confine settentrionale. L’esercito israeliano ha reso noto che il primo tunnel distrutto è stato quello fra la cittadina di Kafr Kila, sul lato libanese, e Metula, specificando che era “lungo 200 metri, di cui 40 in territorio israeliano, in flagrante violazione della nostra sovranità, largo 2 e correva a una profondità di 25 metri”.

Un passaggio “non ancora operativo” ma che in breve tempo avrebbe potuto consentire agli Hezbollah di compiere attentati in territorio israeliano.

I tunnel di Hezbollah rappresentano una violazione della sovranità di Israele e delle risoluzioni 1701 e 1559 emanate nel 2006 dal Consiglio di Sicurezza dell’Onu.

Israele che preparava quest’operazione da ben due anni e mezzo e dal 2006 era perfettamente a conoscenza degli scavi del terrore che stava facendo gli Hezbollah dopo la guerra dei “33 giorni”. Lo “Scudo del nord” è stato reso possibile grazie allo sviluppo di una tecnologia che dal 2014 permette a Israele di individuare le gallerie a grande profondità.

Secondo l’analista militare Amos Harel “i passi intrapresi sono molto lontani dallo scatenare un conflitto aperto”, ma “privano gli Hezbollah di un’arma offensiva fondamentale”.

Uno smacco per Hezbollah che però ha minimizzato l’accaduto, anche in considerazione del fatto che pochi giorni fa il suo leader, Hassan Nasrallah, era tornato a minacciare la conquista della Galilea.  

Hamas costruisce tunnel per entrare in Israele da sud e compiere attentanti. Hezbollah costruisce tunnel per entrare in Israele da nord e compiere attentati. Israele è attaccato da ogni parte, ma è sempre lì a difende i suoi confini e soprattutto i suoi cittadini da chi li vorrebbe distruggere.

  • Progetto Dreyfus su Instagram

  • FOLLOW US