Terrorismo islamico in Italia, ecco cosa è successo nell’ultima settimana

Avatar
Redazione
-
Terrorismo

Terrorismo islamico in Italia, ecco cosa è successo nell’ultima settimana

Terrorismo
Avatar
Redazione

Il terrorismo islamico in Italia non agisce, ma transita nel nostro paese. La Puglia è la regione utilizzata come ponte per il Kosovo, roccaforte jihadista in Europa, mentre in Lombardia (ma anche in tutto il nord) orbitano alcuni personaggi radicalizzati o in procinto di sposare l’estremismo islamico. Quasi tutti i soggetti sono di origine tunisina.

Ciò che è accaduto la scorsa settimana conferma il modello sopra citato, che sta diventato un vero e proprio paradigma. Il 19 maggio scorso, un’operazione antiterrorismo coordinata dalla Dda di Bari ha portato a un fermo per apologia di terrorismo e detenzione di armi e a un decreto di espulsione. I provvedimenti sono stati eseguiti nei confronti di due sono fratelli tunisini residenti a Foggia, uno dei quali rintracciato a Padova.

In una nota della Questura di Bari si legge che l’indagine è finalizzata a “prevenire e debellare il fenomeno dei cosiddetti lupi solitari ispirati dal Daesh”. Indagine che ha consentito di accertare che i due fratelli, tramite il web, erano in contatto con personaggi ritenuti essere vicino all’estremismo islamico.

Quindi, la Questura di Bari ritiene che persone tuttora libere siano vicino all’Isis. Come mai i provvedimenti non hanno colpito loro ma due tunisini vicini?

Poche ore prime dell’operazione coordinata dalla Dda di Bari, la stazione Centrale di Milano è stata teatro di un altro episodio legato al terrorismo. Il protagonista è un altro tunisino, Ismail Tommaso Hosni, che ha ferito con un coltello due militari dell’Esercito e un agente della polizia ferroviaria, che l’avevano fermato per un controllo di routine: alla loro richiesta, il 20enne ha estratto l’arma. Le indagini che hanno seguito l’arresto hanno portano per lui all’incriminazione per terrorismo internazionale e hanno rivelato come negli ultimi mesi fosse cambiato e vicino alla radicalizzazione.

Ismail Tommaso Hosni si è difeso dicendo che la sua aggressione è figlia della rabbia e del mancato lavoro che aveva tanto richiesto: “Ho chiesto aiuto, ma nessuno mi ha aiutato, io volevo solo lavorare”.

I terroristi non sono pazzi, non commettono reati perché non integrati nella società, ma perché vogliono farlo. Negare questo significa negare la natura del terrorismo.

  • Progetto Dreyfus su Instagram

    This error message is only visible to WordPress admins

    Error: API requests are being delayed for this account. New posts will not be retrieved.

    There may be an issue with the Instagram access token that you are using. Your server might also be unable to connect to Instagram at this time.

    Error: No posts found.

    Make sure this account has posts available on instagram.com.

    Click here to troubleshoot

  • FOLLOW US