Shoah, addio a Joseph Varon: uno degli ultimi sopravvissuti

Avatar
Redazione
-
News

Shoah, addio a Joseph Varon: uno degli ultimi sopravvissuti

News
Avatar
Redazione

Joseph Varon è morto ieri all’età di 94 anni. Uno degli ultimi sopravvissuti della Shoah nacque a Rodi nel 1926. Nel 1944 venne deportato a Auschwitz-Birkenau assieme a tutta la famiglia. Verrà liberato dall’esercito Usa nel 1945, dopo esser stato costretto alla marcia della morte verso Mathausen.

Nel 2017 Joseph Varon è intervenuto per la cerimonia del Giorno della Memoria al Quirinale, dopo un incontro dell’anno precedente con il presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Nel suo intervento al Colle, Varon ha detto:

“Ai giovani dico di leggere molto, di studiare, e di ponderare le conseguenze nefaste che possono scaturire da una politica nefasta”.

La figura di Joseph Varon è stata ricordata da Ruth Dureghello e Noemi Di Segni, rispettivamente alla guida della Comunità Ebraica di Roma e dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane.

La massima esponente politica della CER ha dichiarato in una nota:

“Se ne va un altro pezzo importante della nostra Memoria. Ci stiamo abituando all’idea che i sopravvissuti scompaiano senza però la certezza di riuscire a raccontare la Shoah attraverso la loro straordinaria forza. Joseph Varon che era nato a Rodi ed è arrivato qui dopo i campi di sterminio era diventato parte della Comunità Ebraica di Roma che oggi ne piange la scomparsa. Una grande perdita per l’intera società che ci rende tutti più tristi”.

Le ha fatto eco Noemi Di Segni:

“Con la scomparsa di Joseph Varon  ci lascia uno degli ultimissimi Testimoni della Shoah ancora in vita. Una perdita grave per i suoi cari e per tutti noi che lo abbiamo conosciuto e per chi ha avuto il privilegio di ascoltare le sue parole di sofferta e straziante memoria, pronunciate anche al Quirinale. Un punto di riferimento, in questi tempi bui, per contrastare l’antisemitismo e il negazionismo dilaganti. Grazie Joseph, per tutto quello che ci hai trasmesso e testimoniato, con una certa timidezza, ma sicuramente con coraggio. Che il tuo ricordo sia di benedizione”.

Con la morte di Joseph Varon se ne va un altro pezzo di storia e della Shoah. Chi riuscirà a preservarne il ricordo e a trasmettere le angherie subite?

  • Progetto Dreyfus su Instagram

  • FOLLOW US