Rapporto choc Eurispes: per un italiano su sei la Shoah non è mai esistita

Avatar
Redazione
-
News

Rapporto choc Eurispes: per un italiano su sei la Shoah non è mai esistita

News
Avatar
Redazione

La Shoah è (stata) una tragedia umana. La sua unicità è una costatazione, non un vanto. Una dolorosa realtà con cui ancora non si riesce a fare i conti.

Per numero di morti, per modalità e perché lo sterminio dell’intero popolo ebraico era stato pianificato a tavolino e non fu la conseguenza di una guerra combattuta.

Perché da una parte c’era la macchina di morte nazista, con armi e ferocia fuori dal comune. Dall’altra un popolo senza armi e costretto a scappare per salvare la vita.

Ricondurre o paragonare altre tragedie umane alla Shoah non dà il giusto merito a nessuna, anzi, rischia di mettere tutto in un unico calderone, con il risultato di non rispettare le vittime e il dolore dei loro cari.

La Shoah è (stata) tutto questo. Non per un italiano su sei, convinto che non sia mai esistita. Il dato è stato riportato nel rapporto Eurispes 2020, secondo cui c’è un altro 16,1 per cento di italiani che ne sminuisce l’importanza.

Un rapporto choc, commentato così da Matteo Mauri, vice ministro dell’Interno:

“Sono dati allarmanti che non dobbiamo sottovalutare. Il negazionismo continua ad infangare la memoria di questa tragedia”.

Tragedia frutto di quell’antisemitismo che oggi sta infettando le nostre società. Un antisemitismo che però, come riporta l’Eurispes, secondo il 61,7 per cento degli italiani è figlio di casi isolati e non la spia di una piaga sociale.

Ma c’è di più, perché secondo il 37,2 per cento i recenti episodi di odio antiebraico sono “bravate messe in atto per provocazione o per scherzo”.

Il rapporto Eurispes non finisce di allarme. Secondo il quasi 20 per cento degli italiani “Mussolini è stato un grande leader che ha solo commesso qualche sbaglio”.

“Qualche sbaglio”, come mandare al confino o far uccidere avversari politici o come promulgare le leggi razziali che poi aiutarono i nazisti nella deportazione degli ebrei italiani.

E questi sono solo due degli innumerevoli “sbagli” fatti da un leader politico che oggi provoca nostalgia in coloro che non hanno vissuto il Fascismo.

Come si può essere nostalgici di un periodo mai vissuto? Anche questa è l’Italia del 2020.

  • Progetto Dreyfus su Instagram

  • FOLLOW US