Roma: blitz palestinese contro ristorante a Testaccio, lo chef ha partecipato ad un evento a Tel Aviv

Avatar
Micol AnticoliEditor & Event Manager
-
BDS

Roma: blitz palestinese contro ristorante a Testaccio, lo chef ha partecipato ad un evento a Tel Aviv

BDS
Avatar
Micol AnticoliEditor & Event Manager

Stazione di Posta - Roma

È stato un assalto fascista quello avvenuto domenica scorsa ai danni del ristorante La Stazione di Posta della Capitale; un gruppo di palestinesi è entrato nel locale del quartiere Testaccio creando scompiglio tra i clienti per farla pagare allo chef Marco Martini che ha aderito al Round tables tour, un evento culinario che si svolge a Tel Aviv dal 1 al 22 novembre. Lo chef era in Israele quando il blitz ha avuto luogo e sono stati i camerieri ad avvertire la polizia, che è arrivata a sirene spiegate poco prima che i palestinesi si dileguassero. Gli agenti della Digos che stanno indagando sull’accaduto riferiscono di aver trovato dei volantini che recitano: “Oltre 130 gruppi per i diritti umani in tutto il mondo hanno scritto a Martini e agli altri chef per chiedere che si ritirino. L’evento culinario è sponsorizzato dalla Galan Heights Wirney, che opera in una colonia illegale, e dal governo israeliano, responsabile di politiche di oppressione e apartheid”.

Pronta è stata la risposta del Presidente della Comunità Ebraica di Roma Ruth Dureghello, la quale ha espresso solidarietà allo chef Martini ed a tutto lo staff del ristorante, dichiarato che “questo episodio d’intolleranza a cui hanno assistito coloro che erano presenti nel locale, clienti compresi, è la dimostrazione che il clima di pace e di dialogo pacifico che tutti ricerchiamo è minato da gesti che fomentano la violenza e che rientrano nell’obiettivo di boicottare lo Stato di Israele in ogni modo”.

Il locale si trova in largo Dino Frisullo, all’interno della Città Dell’Altra Economia. Invitiamo chiunque abbia a cuore i valori di libertà e democrazia a mangiare o fare un aperitivo a La Stazione di Posta per portare solidarietà ai proprietari e ai lavoratori che hanno subito questo vile attacco.

  • Progetto Dreyfus su Instagram

  • FOLLOW US