Processo Stormfront, ventiquattro condanne per incitamento all’odio razziale

Avatar
Redazione
-
News

Processo Stormfront, ventiquattro condanne per incitamento all’odio razziale

News
Avatar
Redazione

I giudici della prima sezione penale del Tribunale di Roma hanno inflitto 24 condanne alle persone coinvolte nel processo “Stormfront”. L’accusa contestata, a seconda delle posizioni, andavano dalla violazione della legge, alle minacce e all’odio razziale. È stato riconosciuto, inoltre, il delitto associativo anche il reato è stato consumato sul web.

La contestazione rivolta agli imputati è di aver pubblicato tra il 2011 e il 2012 messaggi antisemiti, contro gli immigrati e personaggi pubblici sulla sezione italiana del forum “Stormfront”.

Nel procedimento si sono costituiti parti offese l’ex ministro per l’accoglienza Andrea Riccardi, fondatore della comunità di Sant’Egidio, l’ex primo cittadino di Lampedusa, Giusi Nicolini, lo scrittore Roberto Saviano, la Comunità ebraica di Roma e l’Unione delle comunità ebraiche italiane.

La sentenza è stata così commentata dalla Comunità Ebraica di Roma che in una nota ha scritto:

“Accogliamo con soddisfazione la sentenza del processo Stormfront in cui si ribadisce che l’odio antisemita nella rete non è un crimine che può restare impunito. Non esistono zone franche per l’antisemitismo, ma pene severe da scontare. Il nostro più sentito ringraziamento va al pm Luca Tescaroli, alla Procura di Roma, alla Magistratura e all’avvocato Cesare Gai che ci ha assistiti, perché in un momento delicato, in cui l’antisemitismo riemerge, hanno permesso di mandare un segnale forte a tutti i predicatori di odio antiebraico.”

Giusi Nicolini, ex sindaco di Lampedusa, che venne fatta bersaglio per mira per la sua politica sull’accoglienza dei migranti, ha commentato:

“Siamo molto soddisfatti, perché è vero che non si combatte solo con la repressione, ma è importante che questi personaggi capiscano che si paga un prezzo. Io percepivo la pericolosità reale di queste persone. Bisogna riflettere su come arginare l’odio sul web. Mai sottovalutare questi episodi”.

Quella inflitta al processo “Stormfront” è stata sentenza importante che segna un punto fondamentale nella lotta all’antisemitismo e all’odio razziale.

  • Progetto Dreyfus su Instagram

  • FOLLOW US