“Liberate i palestinesi”, il sequestro di persona avvenuto ieri a Le Havre

Avatar
Redazione
-
News

“Liberate i palestinesi”, il sequestro di persona avvenuto ieri a Le Havre

News
Avatar
Redazione

“Liberate i palestinesi”. È iniziato così un sequestro di persona a Le Havre, in Francia, dove ieri un uomo ha preso in ostaggio sei individui nella sede dell’agenzia bancaria Bred-Banque Populaire.

Uno strano sequestro, come lo sono state le richieste dell’attentatore, che aveva chiesto di liberare i bambini palestinesi “ingiustamente imprigionati in Israele” e di far entrare i “palestinesi di età inferiore ai 40 anni alla spianata della moschea di al-Aqsa a Gerusalemme”.

Poco prime delle ore 23, il responsabile ha liberato tutti gli ostaggi, mettendo fine a un sequestro che non ha causato né vittime, né feriti.

Fin qui, la cronaca di una giornata convulsa che ha tenuto la Francia e non solo con il fiato sospeso. Cronaca che però finisce di colpo, perché le autorità non solo non hanno rivelato l’identità dell’uomo, ma hanno fornito dettagli che sembrano ricalcare quelli di altri episodi simili.

Uomo di 34 anni, con disturbi psichici, già conosciuto dalle forze dell’ordine, che avrebbe agito da solo. L’ennesimo cane sciolto, che in qualche modo riesce a sfuggire ai controlli e si lancia in un’azione criminale.

Diciamo criminale, perché il terrorismo è entrato in gioco dopo le richieste dell’attentatore, legate alle questione israelo-palestinese. Richieste strane, come detto, perché fatte in una città francese della Normandia che almeno in teoria non dovrebbe avere alcun collegamento con ciò che accade in Medio Oriente.

Le domande dopo questo episodio sono molte.

Come mai gli autori di queste azioni sono spesso noti alle autorità? Da chi sono controllati nello specifico? Come fanno a sfuggire?

Come spesso accade in questi casi, sarà difficile avere risposte. Rimane il fatto che la Francia continua a essere un paese che in qualche modo è legato al terrorismo islamico e alle questione tra Israele e i governanti palestinesi.

  • Progetto Dreyfus su Instagram

    This error message is only visible to WordPress admins

    Error: API requests are being delayed for this account. New posts will not be retrieved.

    There may be an issue with the Instagram access token that you are using. Your server might also be unable to connect to Instagram at this time.

    Error: No posts found.

    Make sure this account has posts available on instagram.com.

    Click here to troubleshoot

  • FOLLOW US