La demonizzazione di Israele patrocinata dall’ANPI

Victor Scanderbeg Romano
Victor Scanderbeg RomanoAnalista Storico-Politico
-
Dossier

La demonizzazione di Israele patrocinata dall’ANPI

Dossier
Victor Scanderbeg Romano
Victor Scanderbeg RomanoAnalista Storico-Politico

I diritti umani e nazionali in Palestina _ In ricordo di Mimma Rossanda, sostenitrice della causa palestinese.

Le immagini di questo articolo provengono dal libro I diritti umani e nazionali in Palestina, pubblicato nel 2014 con il patrocinio dell’ANPI-Sezione di Seprio. Gli autori sono Giuseppe De Luca,Ugo Giannangeli, Vera Pegna, Giorgio Forti e Gennaro Panozzo (quest’ultimo dell’ANPI-Lombardi).

Il problema è che leggo lo Statuto dell’ANPI e non trovo in nessun articolo, men che meno in quello dedicato agli scopi dell’associazione (art. 2), riferimenti alla necessità di portare avanti una bieca propaganda filoaraba e antisionista.

Eppure questo volumetto, sul cui frontespizio campeggia il logo dell’ANPI, parla di Israele come di “un avamposto dell’occidente nell’accezione peggiore del termine“, e non si fa problemi a mettere nero su bianco affermazioni come “la violenza dei coloni non arretra davanti all’assassinio” e, soprattutto “le famigerate bande sioniste, fresche di olocausto, procedono con un metodico e capillare rastrellamento e annientamento di ogni forma di vita“.

I diritti umani e nazionali in Palestina - a cura di Giuseppe De Luca, Ugo Giannangeli, Vera Pegna, Giorgio Forti - Google Libri

Ora, delle mistificazioni storiche costruite sulla Guerra del 1948 abbiamo parlato a più riprese, sia per quanto riguarda la famiglia colpevole di averle create senza vergogna (i Khalidi), sia relativamente al Piano Dalet. In questo caso invece, quello che dobbiamo sottolineare è che parlare di Israele come “stato genocida”, fautore dell’apartheid, lasciando intendere delle connessioni con la barbarie nazista o la segregazione sudafricana, è inaccettabile.

I diritti umani e nazionali in Palestina - a cura di Giuseppe De Luca, Ugo Giannangeli, Vera Pegna, Giorgio Forti - Google Libri(2)

È allo stesso modo inaccettabile forzare la similitudine impossibile fra terroristi di Hamas e Partigiani italiani.  Non c’è alcuna correlazione fra le azioni poste in essere dai partigiani italiani della Seconda Guerra Mondiale e gli attentati, che mirano sempre a fare strage di civili, perpetrati da Hamas.

Scrivere che gli ebrei avevano un “programma preordinato e pianificato di  sterminio degli indigeni” dimostra un’ignoranza storica e un odio verso Israele che non trova alcuna giustificazione.

 

Né ha più senso provare a spostare l’attenzione sulla semantica, proponendo l’abusato distinguo fra antisionismo e antisemitismo. Il sionismo, specie in questo periodo di rigurgiti antisemiti, è parte integrante dell’identità ebraica. Si tratta della volontà del popolo ebraico di avere un piccolo spazio nelle terre dominate dai suoi antichi re e abitate ininterrottamente da trenta secoli. Essere antisionisti vuol dire opporsi all’esistenza di Israele e di un rifugio sicuro per tutti gli ebrei del mondo. Si tratta solo di antisemitismo della peggior specie, mascherato con la criticanei confronti di uno stato, Israele, fondato sull’eguaglianza di tutti i cittadin e, sul massimo grado di libertà religiose e individuali riscontrabili in una nazione del Medio Oriente.

I diritti umani e nazionali in Palestina - a cura di Giuseppe De Luca, Ugo Giannangeli, Vera Pegna, Giorgio Forti - Google Libri(3)

L’ANPI, almeno per rispetto del sangue versato dai suoi ex membri per la causa delle libertà civili e della democrazie, ha il dovere di essere molto più severa con le sezioni locali che usano il suo nome per sostenere i nemici della libertà e della democrazia.

  • Progetto Dreyfus su Instagram

    This error message is only visible to WordPress admins

    Error: No feed found.

    Please go to the Instagram Feed settings page to create a feed.

  • FOLLOW US