Jihad, cosa si nasconde dietro gli arresti in Italia

Avatar
David Spagnoletto
-
Terrorismo

Jihad, cosa si nasconde dietro gli arresti in Italia

Terrorismo
Avatar
David Spagnoletto

Negli ultimi mesi in Italia ci sono stati numerosi arresti di terroristi legati all’Isis. Terroristi che hanno elementi comuni. In primo luogo la nazionalità: italiana, marocchina, slovena, macedone e afghana. In secondo luogo i paesi di passaggio per questi jihadisti sono sostanzialmente: Italia, Germania e Balcani. In terzo luogo le persone coinvolte immancabilmente prima o poi fanno tappa in Siria.

Questi elementi racchiudono in sé analisi complesse. Come è stato scritto in un interessante articolo da Valentina Colombo su LaNuovabq.it, la nazionalità dei terroristi conferma che sul nostro territorio e in Europa operano persone non impegnate nei loro rispettivi paesi di origine. I tunisini agiscono  in Tunisia o in Libia, i levantini in Siria e Iraq e in Medio Oriente la Siria rappresenta la priorità e in Nord Africa il terreno di combattimento è la Libia. Capitolo a parte per l’Europa gestita da nazionalità cosiddette “disoccupate” che devono perciò rimanere impegnate per non abbassare morale e tensione. I convertiti con legami familiari con jihadisti seguono le stesse regole.

Per numerosi foreign fighters il passaggio in  Siria e il successivo ritorno in Europa ricalca le gesta di Maometto che è migrato a Medina, fondando lo Stato islamico, con l’intenzione e fine ultimo di ritornare a conquistare la propria città natale.

Centrale e ricorrente è anche il ruolo delle donne, decisive nel reclutamento e nell’azione di convincimento di familiari e amici come dimostra l’ordinanza degli arresti in Nord Italia. Queste considerazioni danno il quadro di quanto sia difficile la gestione del fenomeno jihadista in Italia e in Europa e la sua prevenzione. Questo panorama risponde alle esigenze e alle priorità del Califfato a livello globale, come sottolinea Valentina Colombo, la quale aggiunge che a tal proposito non bisogna sottovalutare il recente appello di Ayman al-Zawahiri, il leader di Al Qaeda, allo Stato islamico per unire le forze in Siria per fare fronte e sconfiggere il nemico comune Assad e qualora lo Stato islamico accettasse l’alleanza con Al Qaeda e se questa alleanza si espandesse, l’asse jihadista potrebbe recuperare forza non solo in Siria, ma anche in Libia e in Occidente.

  • Progetto Dreyfus su Instagram

  • FOLLOW US