La Fifa sospende il presidente Rajoub, la Federazione palestinese protesta

Avatar
Redazione
-
News

La Fifa sospende il presidente Rajoub, la Federazione palestinese protesta

News
Avatar
Redazione

La Fifa ha sospeso per un anno il presidente della federazione, Jibril Rajoub, per le sue parole contro Lionel Messi prima della partita amichevole che si sarebbe dovuta giocare tra Israele e Argentina a Gerusalemme prima dell’inizio del Mondiale in Russia.

La Federcalcio palestinese si è detta “molta sorpresa”, ritenendo che la decisione presa è “sproporzionata e assurda”.

Diametralmente opposto il commento del ministro della sicurezza israeliano Gilad Erdan, secondo cui Rajoub “ha ripetutamente usato minacce e incitamento al terrore per raggiungere i suoi obiettivi politici”.

Torniamo indietro all’inizio del giugno scorso. Prima della spedizione mondiale, l’Argentina ha in programma un’amichevole contro Israele da disputarsi a Gerusalemme, la capitale in cui da pochi mesi gli Usa hanno spostato la propria ambasciata. La decisione americana ha focalizzato le attenzioni del Medioriente per mesi, dividendo media e opinione pubblica.

Israele è orgoglioso di ospitare una nazionale così prestigiosa come quella argentina, vincitrice di due Mondiali, nella propria terra e nella propria capitale.

Tutto questo però è inaccettabile per il mondo palestinese, sempre attento a cavalcare il sentimento calcistico in chiave politica. E allora ecco l’attacco frontale del massimo responsabile del calcio palestinese, Jibril Rajoub, nei confronti di Lionel Messi:

“Leo è un simbolo di pace e amore, gli chiediamo di non partecipare ai crimini dell’occupazione israeliana. Il governo israeliano sta cercando di dare una portata politica ad un evento sportivo insistendo sul fatto che si giocherà a Gerusalemme. Lanciamo una campagna contro la Federcalcio argentina, Messi ha molti milioni di fan nei Paesi arabi e musulmani: se scenderà in campo contro Israele, chiediamo a tutti di bruciare le sue magliette e i suoi poster”.

Risultato? L’Afa (Federcalcio argentina) blocca tutto: la partita non si disputerà più per motivi di ordine pubblico. La verità è che la paura vince sull’agonismo e sulla tenacia per cui è noto il calcio argentino, che vengono spazzati via tra le lamentele israeliane.

Dopo mesi di indagini il comitato disciplinare della Fifa ha optato per la sospensione di Rajoub, che è anche presidente del comitato olimpico della Palestina, e per una multa di poco meno di 18mila euro, impedendogli di partecipare a tutte le competizioni calcistiche.

Secondo la Fifa ha ritenuto il presidente della Federcalcio palestinese ha violato l’articolo 53 quello relativo all’incitamento all’odio e alla violenza.

Secondo il mondo palestinese la decisione è “sproporzionata”, un termine che ritorna spesso nel vocabolario palestinese…

  • Progetto Dreyfus su Instagram

  • FOLLOW US