Chef Rubio “invita” a uccidere i sovranisti e gli israeliani

Avatar
Redazione
-
News

Chef Rubio “invita” a uccidere i sovranisti e gli israeliani

News
Avatar
Redazione

Chef Rubio Israele. È da anni che il cuoco, al secolo Gabriele Rubini, si scaglia contro Israele e il sionismo. Più volte, il noto personaggio tv è intervenuto sui social facendo presso leva su un sentimento anti-israeliano.

Ultimo in ordine di tempo e il tweet riguardante i roghi che stanno cancellando intere parti della foresta dell’Amazzonia.

Tweet che ha suscitato molte polemiche che non sono state spente dalla scelta del cuoco di eliminare il cinguettio. Nell’era del social, è talmente immediato il tam tam mediatico che nessuna cancellazione riesce a placare gli animi: verrebbe da dire chi di social ferisce, di social perisce.

Qual è il tweet di Gabriele Rubini che ha suscitato diverse critiche? Eccolo qui:

“ELIMINA LA CARNE, SALVI LA FORESTA! Se stanno bruciando #Amazonia è anche per monocolture di mais, canna da zucchero e soia ( #Monsanto #Bayer )! Se volete salvare il pianeta spendete meno, consumate meno, ed eliminate fisicamente i sovranisti e co”.

Il testo era accompagnato anche dalle bandiere di Israele, Usa e Brasile (vedi immagine di questo articolo). Ed è proprio qui che in molti hanno chiesto più rispetto per lo Stato ebraico, tirato continuamente in ballo da Rubio come unico male del mondo.

Che Rubio Israele

A colpire, oltre la fissazione di Rubini per Israele, è la totale assenza di presa di posizione delle numerose tv che ospitano lo chef.

Prima del tweet incriminato, nella nostra pagina Facebook avevamo scritto un post con tutti i “partner” di Rubio, sottolineando l’ossessione del personaggio tv, che non perde mai occasione per attaccare Israele.

Cosa c’è dietro tanta perseveranza? Molti sono gli hater di Israele, ma quasi nessuno si espone con tanta frequenza contro Stato ebraico.

E allora dobbiamo pensare che un semplice cuoco/personaggio tv faccia una “guerra” mediatica contro Israele solo e indifeso?

Domande e dubbi legittimi, che speriamo presto possano esser fugati…

  • Progetto Dreyfus su Instagram

  • FOLLOW US