Il museo di Auschwitz: basta foto scherzose sui binari

Avatar
Redazione
-
News

Il museo di Auschwitz: basta foto scherzose sui binari

News
Avatar
Redazione

Dovrebbe essere uno dei luoghi più rispettati del mondo. Lì dove la spietatezza e la crudeltà dell’uomo hanno scritto una pagina tragica della storia. E invece viene continuamente banalizzato come fosse un luogo qualunque, come fosse un indicatore di malvagità per fare assurdi paragoni.

Perché qui di paragoni non ce ne possono essere. Stiamo parlando di Auschwitz, il lager nazista in Polonia, dove il Terzo Reich uccise più di un milione di persone.

Auschwitz dove invece di rispettare le vittime e il dolore dei loro famigliari, molti dei milioni di visitatori si fanno scattare e scattano foto sui binari stando in equilibrio, come fossero in un bordo qualsiasi in una città qualsiasi.

Sono talmente tanti gli improvvisati fotografi che il museo di Auschwitz è stato costretto a diramare il seguente messaggio:

“Quando vieni ad Auschwitz  ricorda che sei nel sito dove sono state uccise oltre 1 milione di persone. Rispetta la loro memoria. Ci sono luoghi migliori per imparare a fare l’equilibrista rispetto al sito che simboleggia la deportazione di centinaia di migliaia di persone verso la morte”.

Il tweet è stato accompagnato da una serie di immagini che ritraevano i visitatori mentre erano in equilibrio sui binari.

Dopo il grande numero di smemorati “equilibrati” va approfondita un’altra questione: se c’è una persona in una determinata posa con le mani libere vuol dire che c’è qualcuno che sta scattando loro la foto.

Quindi per ogni foto ci sono almeno due persone responsabili della violazione di un luogo, divenuto uno delle immagini più aberranti della Shoah.

A cosa servono i numerosi viaggi se non sono accompagnati da una reale presa di conoscenza di ciò che è accaduto?

A preoccupare è la perdita della moralità che sta attanagliando le nostre società, che fa sempre ilari e scherzosi in un posto dove nessuno è stato rispettato come essere umano.

  • Progetto Dreyfus su Instagram

  • FOLLOW US