Museo Auschwitz, condanna vendita online di oggetti con il campo di sterminio

Avatar
Redazione
-
News

Museo Auschwitz, condanna vendita online di oggetti con il campo di sterminio

News
Avatar
Redazione

Auschwitz. Simbolo dell’inferno per milioni di persone. Quelle che vi morirono e i loro cari, costretti a vivere con un fardello difficile da sopportare.

Questo dovrebbe rappresentare il campo di sterminio nazista. E invece è diventando sempre più un termine di paragone da accostare a vicenda con cui ha  poco (o nulla) a che fare.

Ancora di più, Auschwitz sta diventando un veicolo di promozione e di marketing. Come per il sito web Redbubble, che ha dato la possibilità di vendere oggetti raffiguranti il lager: cuscini, t-shirt, borse e minigonne.

Possibilità che ha visto la dura e ferma condanna del Museo di Auschwitz:

“Pensate veramente che vendere tali prodotti come cuscini, minigonne o borsette con le immagini di Auschwitz – teatro di un’enorme tragedia dove più di 1,1 milioni di persone sono state uccise – sia accettabile? Piuttosto è inquietante e irrispettoso”.

La replica dell’e-commerce è stata condita da ringraziamenti, accompagnati con ala rimozione dei prodotti segnali e “altri simili”.

Per qualche ragione che sfugge alla decenza e al rispetto sono stati prodotti oggetti con l’immagine di Auschwitz. Un caso? Una vista? Una trovata pubblicitaria? Qualunque sia la risposta, il fatto è che tali oggetti hanno un mercato e un loro pubblico.

Perché c’è chi ama dormire poggiando la testa su un cuscino in cui è raffigurato un luogo dove morirono milioni di persone. Chi invece ama mostrarlo sulla propria minigonna e chi sulla propria maglietta.

Finché esisteranno queste persone, ne troveremo altre ciniche e spietate che continueranno a strumentalizzare una tragedia umana per proprio tornaconto.

  • Progetto Dreyfus su Instagram

    This error message is only visible to WordPress admins

    Error: API requests are being delayed for this account. New posts will not be retrieved.

    There may be an issue with the Instagram access token that you are using. Your server might also be unable to connect to Instagram at this time.

    Error: No posts found.

    Make sure this account has posts available on instagram.com.

    Click here to troubleshoot

  • FOLLOW US