Amazon e Wish, la vendita ignobile degli oggetti natalizi di Auschwitz

Avatar
David Spagnoletto
-
News

Amazon e Wish, la vendita ignobile degli oggetti natalizi di Auschwitz

News
Avatar
David Spagnoletto

Auschwitz è il più grande dei campi di sterminio della Germania nazista, dove furono mandati a morte oltre un milione di persone. In pochissimi tornarono a casa portandosi sempre dentro un incubo indicibile e indelebile, nell’anima e sul corpo.

Un incubo per milioni di esseri umani e una tragedia collettiva, con cui ancora oggi – a 74 anni dalla fine della guerra – non riusciamo a fare i conti.

Milioni di persone disumanizzate e rese vittime di un conflitto che non avrebbe mai voluto combattere. Milioni di persone che non rividero mai più i propri cari, che persero le speranze nella vita e nel prossimo.

Milioni di persone costrette a lavorare in condizioni fisiche precarie, non riuscendo mai a riprendere le forze anche a causa del pochissimo cibo che veniva loro somministrato.

Milioni di persone che persero tutto, che non poterono più festeggiare un compleanno, una festività e un bel ricordo.

Oggi – noi – ripiaghiamo quelle milioni di persone nella maniera più ignobile. Con l’indifferenza, con la banalizzazione, con la negazione, con i paragoni con altre tragedie umane che non rendono giustizia né a una né all’altre.

Nonché con la mercificazione. La mercificazione di oggetti banali che riguardano Auschwitz e la sofferenza di quelle milioni di persone. Edifici, persone imprigionate, filo spinato, decorazioni per alberi di Natale, un apribottiglie e un tappetino per il mouse: tutti gadget (?) disponibili fino a pochi giorni fa su Amazon e Wish, tolti solo grazie all’intervento del Memoriale e del museo di Auschwitz.

Il Memoriale e il museo di Auschwitz che difendono il vero ricordo di Auschwitz. E come se ognuno si difendesse da solo, in una società fatta di ristretti gruppi dove l’altro è visto come una minaccia e per questo va allontanato, offeso, oltraggiato, a volte anche malmenato.

Così, abbiamo dimostrato che quell’inferno patito da milioni di persone è stato una lezione che non abbiamo imparato. Perché se determinati oggetti si vendono, significa che c’è gente che li acquista.

Ed è questa la sconfitta più grande. Per tutti.

  • Progetto Dreyfus su Instagram

    This error message is only visible to WordPress admins

    Error: API requests are being delayed for this account. New posts will not be retrieved.

    There may be an issue with the Instagram access token that you are using. Your server might also be unable to connect to Instagram at this time.

    Error: No posts found.

    Make sure this account has posts available on instagram.com.

    Click here to troubleshoot

    Error: admin-ajax.php test was not successful. Some features may not be available.

    Please visit this page to troubleshoot.

  • FOLLOW US