Unesco, nuovo attacco a Israele su Gerusalemme

Avatar
Redazione
-
News

Unesco, nuovo attacco a Israele su Gerusalemme

News
Avatar
Redazione

L’Unesco si scaglia contro Israele. Ancora. Un’altra volta. L’agenzia Onu, infatti, si è resa protagonista dell’ennesima risoluzione, proposta dalla Giordania, tesa a negare il legame atavico fra Gerusalemme e lo Stato ebraico, definito “una potenza occupante” e condannato per le sue attività archeologiche nella Città Vecchia.

La votazione è avvenuta lo scorso martedì al meeting annuale del World Heritage Committee di Cracovia ed è passata con 10 voti favorevoli (Libano, Tunisia, Turchia, Kuwait, Cuba, Azerbaigian, Indonesia, Kazakistan, Vietnam e Zimbabwe), 3 contrari (Filippine, Giamaica e Burkina Faso) e 8 astensioni (Angola, Croazia, Finlandia, Perù, Polonia, Portogallo, Corea del Sud e Tanzania).

Emmanuel Nachshon, portavoce del ministero degli esteri israeliano, rivelando che la risoluzione non ha ottenuto la maggioranza dei voti in commissione, ha commentato:

“Un’altra decisione bizzarra ed irrilevante dell’Unesco, che agisce al servizio dei nemici della Storia e della verità. Gerusalemme è la capitale eterna del popolo ebraico e nessuna risoluzione dell’Unesco può alterare la realtà. Tutto ciò è triste, superfluo e patetico”.

Reazione ferma e convinta anche quella del ministro Naftali Bennett:

“Piuttosto che difendere centinaia di luoghi distrutti dall’Islam estremista, come ad esempio la moschea al-Nuri di Mosul, l’Unesco agisce contro l’unico Paese del Medio Oriente che difende tutti i luoghi santi e che consente a tutti libertà di culto”.

L’Unesco, l’organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura, ormai è stata privata di ogni sovranità visto che le risoluzioni contro Israele sono votate da tutti paesi musulmani o di cultura musulmana, che non solo calpestano la storia del popolo ebraico ma la storia e la cultura dell’umanità intera.

A Roma, conosciuta come Caput Mundi (Capitale del Mondo) c’è l’arco di Tito, su cui sopra vi è una menorah (candelabro a sette braccia) che ricorda la distruzione del Tempio ebraico di Gerusalemme per mano dei Romani. Ma se il popolo ebraico e Gerusalemme non hanno un legame storico e culturale come sostiene l’Unesco, i Romani cosa hanno distrutto? Quale popolazione hanno deportato?

Dobbiamo abbattere l’arco di Tito perché è un falso storico? No, è tutto vero. Come il legame indissolubile fra Israele e la sua capitale Gerusalemme.

  • Progetto Dreyfus su Instagram

    This error message is only visible to WordPress admins

    Error: API requests are being delayed for this account. New posts will not be retrieved.

    There may be an issue with the Instagram access token that you are using. Your server might also be unable to connect to Instagram at this time.

    Error: No posts found.

    Make sure this account has posts available on instagram.com.

    Click here to troubleshoot

  • FOLLOW US