Terrorismo del fuoco

Le nuove azioni dei terroristi palestinesi di Gaza puntano a distruggere anche la natura

Ugo Volli
Ugo Volli
-
Israele, Medio Oriente, Terrorismo

Terrorismo del fuoco

Le nuove azioni dei terroristi palestinesi di Gaza puntano a distruggere anche la natura

La politica in Medio Oriente si svolge a due livelli distinti. Ci sono i fatti quotidiani, che in parte (e spesso in maniera tendenziosa) diventano notizie sui media. E ci sono le grandi tendenze, i conflitti per le risorse, di cui si parla poco. I fatti quotidiani sono spesso fabbricati apposta per far notizia e trovare eco nella stampa compiacente come per esempio le manifestazioni di Gaza e molti attentati del terrorismo a bassa intensità. Accoltellare qualcuno per strada o investirlo con un automobile non cambia i rapporti di forza, ma permette, grazie ai media, al terrorismo di continuare a far paura anche se è sostanzialmente impotente e in calo.

I grandi conflitti invece si svolgono in maniera spesso non percepita su risorse contese: lo spazio geografico, il dominio di punti strategici come le alture del Golan e quelle della Samaria, l’accesso ai porti. E poi le risorse naturali vere e proprie: la terra fertile, le zone verdi, l’acqua, il petrolio (l’unico di cui si parla abbastanza spesso). Le azioni incendiarie che impegnano i terroristi islamici, non solo a Gaza con apparenti giocattoli infantili come gli aquiloni e i palloncini, ma anche direttamente nel territorio israeliano, sono un tentativo di incidere su una delle risorse più importanti di Israele, su cui la popolazione ebraica lavora da oltre un secolo: il rimboschimento, il recupero della fertilità antica della terra testimoniata dai tempi biblici, che era andata distrutta duranti secoli di occupazione musulmana.

Piantare alberi e interi boschi in ricordo delle circostanze belle e brutte della vita è diventata nel secolo scorso una delle abitudini comuni del popolo ebraico. Non c’è famiglia ebraica che non abbia avuto in casa il salvadanaio bianco e azzurro del Keren Kayemet, il cui scopo primario era finanziare il rimboschimento. Nell’ultimo periodo questo recupero si è esteso anche alla zona aspra e desertica del Negev: fra le nude colline rocciose rossastre e le sabbie gialle del deserto meridionale di Israele ora sorgono vigne meravigliose, piantagioni di pomodorini saporiti, campi di verdure e boschi che cambiano e addolciscono il clima. Una parte del futuro agricolo e abitativo di Israele è qui.

Proprio questo vogliono colpire i piromani palestinisti, con qualunque mezzo. Israele ha trovato il modo di contrastare gli ingannevoli aquiloni trappola con droni e altri mezzi. E però basta che il 5 o il 10 per cento dei giocattoli trappola passi per fare danni immensi. L’esercito non vuole farsi attirare in un’azione militare come quella di quattro anni fa, se solo è possibile. E teme problemi legali nel contrastare con le armi delle azioni apparentemente non militari. Ma certo non potrà assistere a lungo senza reagire al terrorismo del fuoco.

  • Progetto Dreyfus su Instagram

    This error message is only visible to WordPress admins

    Error: API requests are being delayed for this account. New posts will not be retrieved.

    There may be an issue with the Instagram access token that you are using. Your server might also be unable to connect to Instagram at this time.

    Error: No posts found.

    Make sure this account has posts available on instagram.com.

    Click here to troubleshoot

  • FOLLOW US