Terrorismo palestinese, condanna del tribunale all’Anp per la Seconda Intifada

Avatar
Redazione
-
News

Terrorismo palestinese, condanna del tribunale all’Anp per la Seconda Intifada

News
Avatar
Redazione

L’Anp è stata condannata dal Tribunale distrettuale di Gerusalemme per gli attentati relativi alla Seconda Intifada, commessi tra la fine degli Anni 90 e gli Anni 2000.

L’Autorità nazionale palestinese dovrà risarcire per 17 attentati perpetrati da Hamas, Olp e Jihad Islamica, che causarono la morte di 34 israeliani e il ferimento di 7.

Le 17 petizioni, consolidate in un unico caso, sono state presentate dall’organizzazione Shurat HaDin (Israel Law Center) a nome delle vittime degli attacchi e/o delle loro famiglie, che verranno risarcite, a vario titolo, per una somma complessiva pari a 280 milioni di dollari.

È una sentenza storica, perché finora le corti israeliane avevano condannato l’Anp solo per gli attentati commessi dai suoi militanti.

Nella sentenza è scritto che l’Anp (assieme all’Olp) glorifica in pubblicazioni e manifestazioni ufficiali gli attentatori, a cui vengono anche intitolate strade e piazze.

La Corte, inoltre, ha sottolineato che l’Autorità nazionale palestinese ha incoraggiato e talvolta anche inviato i terroristi a uccidere civili israeliani, indicandole  responsabilità delle autorità palestinesi anche per:

“La dichiarata politica dell’Olp e dell’Autorità Palestinese guidate da Yasser Arafat di effettuare attacchi terroristici contro Israele”.

Il giudice Moshe Drori, vicepresidente della Corte distrettuale di Gerusalemme, ha scritto:

“L’Olp, l’Autorità Palestinese, Yasser Arafat, Abu Mazen e altri personaggi importanti come Marwan Barghouti miravano tutti a uccidere ebrei e israeliani e a colpire lo stato di Israele”.

Nella sentenza sono citati, fra gli altri:

  • la sparatoria del 1996 alla Tomba di Giuseppe a Nablus;
  • il linciaggio dell’ottobre 2000 di due riservisti israeliani nella stazione della polizia palestinese di Ramallah;
  • l’attentato suicida del dicembre 2001 sulla via pedonale Ben Yehuda a Gerusalemme;
  • l’attacco del marzo 2002 nell’abitazione della famiglia Gavish a Elon Moreh.

Una storica sentenza che dovrebbe aprire i notiziari televisivi e le prime pagine dei giornali. E invece finirà sotto silenzio come spesso accade in relazione agli attentati commessi dal terrorismo palestinese

  • Progetto Dreyfus su Instagram

    This error message is only visible to WordPress admins

    Error: API requests are being delayed for this account. New posts will not be retrieved.

    There may be an issue with the Instagram access token that you are using. Your server might also be unable to connect to Instagram at this time.

    Error: No posts found.

    Make sure this account has posts available on instagram.com.

    Click here to troubleshoot

  • FOLLOW US