Cosenza: si addestrava per diventare un terrorista, arrestato cittadino italiano

Avatar
Redazione
-
News

Cosenza: si addestrava per diventare un terrorista, arrestato cittadino italiano

News
Avatar
Redazione

Una segnalazione ricevuta grazie a una collaborazione a livello internazionale, che indicava una piattaforma digitale, dove si trovavano contenuti che inneggiavano il terrorismo islamico. Da qui è partita l’indagine, denominata “Miraggio”, della Digos distrettuale di Catanzaro e di Cosenza, degli agenti del Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni e dei membri del Servizio per il Contrasto all’Estremismo e Terrorismo Esterno della Dcpp/Ucigos.

Un ingente dispiegamento di forze che ha portato all’arresto di un cittadino italiano, Domenico Giorno, 42enne e residente a Luzzi in provincia di Cosenza, che si stava addestrando da solo per diventare un terrorista.

Gli inquirenti hanno riferito che l’uomo era in possesso di diversi account sui social network, quali Riot, Rocket Chat e Telegram, e molteplici identità con cui prendeva parte a numerose chat private di gruppi di simpatizzanti jihaidisti, a cui si poteva accedere solo con il benestare degli amministratori, che controllavano ogni singola persona che voleva prendervi parte.

L’aspirante terrorista è stato scoperto grazie alle intercettazioni (telefoniche, ambientali e telematiche) e alla grande abilità degli esperti della Polizia Postale. A mettere l’uomo con le spalle al muro, inoltre, è stato il numeroso materiale rinvenuto all’interno dei sui dispositivi elettronici.
Penne usb, computer, cellulari e testi informativi, fra cui manoscritti in lingua araba redatti di suo pugno. Materiale che non ha lasciato dubbi su quali fossero le intenzioni del cittadino italiano, finito in manette fra cui manuali su come organizzare attentati e realizzare ordigni.

Cosa può aver spinto Domenico Giorno a provare a diventare un terrorista? Come può un cittadino italiano, che dovrebbe essere lontano dalla narrativa jihadista, aderire a gruppi legati al terrorismo islamico che sta spaventando il suo stesso Paese?

Interrogativi che si stanno ponendo anche gli inquirenti, che stanno indagando ulteriormente per capire cosa abbia portato il 42enne a seguire la strada del terrorismo autodidatta.

  • Progetto Dreyfus su Instagram

    This error message is only visible to WordPress admins

    Error: API requests are being delayed for this account. New posts will not be retrieved.

    There may be an issue with the Instagram access token that you are using. Your server might also be unable to connect to Instagram at this time.

    Error: No posts found.

    Make sure this account has posts available on instagram.com.

    Click here to troubleshoot

  • FOLLOW US