Shoah, indagati i vertici di Facebook in Germania

Avatar
Redazione
-
News

Shoah, indagati i vertici di Facebook in Germania

News
Avatar
Redazione

Mark Zuckerberg è accusato in Germania di incitamento all’odio e alla negazione dell’Olocausto. Con il fondatore di Facebook sono finiti nel mirino della procura di Monaco di Baviera anche la direttrice operativa Sheryl Sandberg, il capo-lobbysta per l’Europa Richard Allan e la sua collega di Berlino Eva-Maria Kirschsieper per non aver provveduto alla rimozione dal popolare social network di post in cui veniva messa in dubbio l’autenticità di un fatto storico come la Shoah.

A rendere noto il provvedimento è stato il settimanale tedesco “Der Spiegel”, rivelando che a far scattare l’indagine è stata una denuncia dell’avvocato Chan-jo Jun di Wuerzburg, secondo cui i vertici di Facebook non hanno tolto i contenuti incriminati nonostante le segnalazioni. Der Spiegel, inoltre, ha ricordato che all’inizio del 2016 una denuncia della procura di Amburgo nei confronti di Zuckerberg e Sandberg non aveva avuto successo perché era assente la competenza territoriale

Facebook, per bocca di un suo portavoce, ha replicato così alle accuse:

“Non commentiamo lo stato di una possibile inchiesta, ma possiamo dire che le accuse sono prive di valore e che non vi è stata alcuna violazione della legge tedesca da parte di Facebook o dei suoi dipendenti. Non c’è posto per l’odio su Facebook. Lavoriamo a stretto contatto con i nostri partner per combattere l’hate speech e promuovere il counter speech”.

Facebook si è avvalso anche di una regola presente nella sua piattaforma:

“Rimuoviamo anche i contenuti che esprimono sostegno a gruppi che si distinguono per il loro comportamento violento o criminale, come descritto sopra. Non è consentito sostenere o elogiare i leader di tali organizzazioni o giustificare le loro attività violente”.

La tematica è molto complessa, ma una domanda, preceduta da una premessa, è d’obbligo.

Premessa: La Germania è stato il paese in cui si è pianificata la Shoah e ben due procure tedesche hanno accusato Facebook di non fare abbastanza contro chi nega un evento storico così aberrante.

Domanda: A quando un simile provvedimento di una procura italiana?

  • Progetto Dreyfus su Instagram

    This error message is only visible to WordPress admins

    Error: API requests are being delayed for this account. New posts will not be retrieved.

    There may be an issue with the Instagram access token that you are using. Your server might also be unable to connect to Instagram at this time.

    Error: No posts found.

    Make sure this account has posts available on instagram.com.

    Click here to troubleshoot

  • FOLLOW US