Omaggio ai caduti della Repubblica di Salò, polemiche sul sindaco M5S

Avatar
Redazione
-
News

Omaggio ai caduti della Repubblica di Salò, polemiche sul sindaco M5S

News
Avatar
Redazione

Nuove accuse per il M5S, che ha reso omaggio ai caduti della Repubblica di Salò a Nettuno. A finire nel mirino è stato il sindaco grillino del comune laziale, Angelo Casto, che ha presenziato alla cerimonia del 2 novembre  fatta nel cimitero dove sono sepolti gli esponenti della Rsi. Cimitero che venne realizzato da un’associazione di reduci e inaugurato 23 anni fa in memoria dei combattenti del battaglione Barbarigo caduti ad Anzio e agli altri combattenti della Repubblica sociale italiana.

Nel 1999 venne riconosciuto come cimitero di guerra e inserito nelle cerimonie ufficiali di commemorazione dei caduti.

Alessio Chiavetta, ex sindaco di Nettuno e predecessore di Castro, si era sempre tenuta lontano dalle polemiche non partecipando a commemorazione dei morti della Rsi, a differenza dell’attuale primo cittadino che insieme ai vertici delle forze dell’ordine e all’assessore comunale di Anzio, Sebastiano Attoni, si è recato al cimitero civile e a quello monumentale americano e, per l’appunto, anche a quello della Repubblica di Salò.

La presidenza provinciale dell’Anpi e la sezione Anzio-Nettuno ha attaccato Castro:

“Noi riteniamo vergognoso che un sindaco della Repubblica italiana, nata dalla Resistenza e dalla Liberazione dal nazi-fascismo, e che esponenti delle Forze Armate rendano onore alla X Mas. Un corpo feroce che si è macchiato di eccidi di civili, di patrioti e che ha collaborato con i crimini nazisti in Italia. È un insulto ai partigiani caduti, ai deportati, ai perseguitati, ai militari che si rifiutarono di aderire alla Repubblica di Salò. Un atto non obbligatorio a cui il sindaco di Nettuno poteva sottrarsi. Il caso finirà in Parlamento, non può finire qui”.

Castro ha provato a spegnere le polemiche:

“Il 2 novembre si commemorano tutti i morti e, anche se forse non andrebbe detto neppure questo, gli unici caduti a cui non sarei andato a rendere omaggio sono quelli delle SS. In questo caso parliamo invece di militari inseriti in reparti regolari e di un cerimoniale prestabilito, che non ho certo fatto io. Mi sono limitato, quando mi hanno dato la parola, a non intervenire, cosa che ha fatto il collega di Anzio. Io la storia la conosco e ha dimostrato che le ideologie del Novecento sono state una truffa all’umanità. Non voglio essere tirato dentro polemiche che non mi appartengono. Forse sarà meglio non partecipare più alle commemorazioni”.

  • Progetto Dreyfus su Instagram

    This error message is only visible to WordPress admins

    Error: API requests are being delayed for this account. New posts will not be retrieved.

    There may be an issue with the Instagram access token that you are using. Your server might also be unable to connect to Instagram at this time.

    Error: No posts found.

    Make sure this account has posts available on instagram.com.

    Click here to troubleshoot

  • FOLLOW US