Netanyahu all’Onu: “L’Iran ha un deposito atomico segreto”

Perché essere orgogliosi di Israele. Il discorso del premier israeliano alle Nazioni Unite

Ugo Volli
Ugo Volli
-
Israele, News

Netanyahu all’Onu: “L’Iran ha un deposito atomico segreto”

Perché essere orgogliosi di Israele. Il discorso del premier israeliano alle Nazioni Unite

Israele, News
Ugo Volli
Ugo Volli

Intervenendo giovedì sera davanti all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha svelato “un’altra struttura atomica segreta” iraniana, cinque mesi dopo aver presentato in un video le prove degli imbrogli iraniani sottratte a Teheran dai servizi di sicurezza israeliani. Un discorso molto importante ed interessante, di cui riportiamo di seguito la traduzione integrale (testo ufficiale originale qui), a cura del Prof. Ugo Volli:

Illustri Delegati, Signore e Signori,

Quando ho parlato qui, tre anni fa, Israele era isolato tra le nazioni. Dei quasi 200 paesi che siedono in questa sala, solo Israele allora si opponeva apertamente all’accordo nucleare con l’Iran. Ci opponiamo ancora perché esso minaccia il nostro futuro, persino la nostra stessa sopravvivenza. Ci opponiamo perché l’accordo ha spianato la strada dell’Iran verso un arsenale nucleare. E eliminando le sanzioni, ha alimentato la campagna di carneficina e conquista dell’Iran in tutto il Medio Oriente. Ci opponiamo perché l’accordo era basato su una menzogna fondamentale, secondo cui l’Iran non starebbe cercando di sviluppare armi nucleari.

Ora, Israele ha denunciato quella menzogna all’inizio di quest’anno. Lo scorso febbraio, Israele ha condotto un’audace incursione nell’archivio atomico segreto dell’Iran. Abbiamo ottenuto oltre 100.000 documenti e video che erano stati nascosti nei sotterranei di un edificio dall’aspetto innocente nel cuore di Teheran. A maggio, ho presentato un breve riassunto di ciò che abbiamo ottenuto ai media internazionali. Ho fornito prove concrete dei piani dell’Iran di costruire armi nucleari e dei suoi piani per ingannare la comunità internazionale. Israele ha condiviso queste informazioni e prove ancora più schiaccianti che abbiamo trovato con i membri del gruppo dei 5 + 1 e con l’Agenzia internazionale per l’energia atomica.

I mesi sono passati. L’AIEA non ha ancora intrapreso alcuna azione. Non ha posto una sola domanda all’Iran. Non ha richiesto di ispezionare un singolo nuovo sito scoperto in quell’archivio segreto. Quindi, data questa inerzia, ho deciso di rivelare oggi qualcos’altro che abbiamo condiviso con l’AIEA e con alcune agenzie di intelligence. Quello che sto per dire non è stato condiviso pubblicamente prima.

Oggi sto divulgando per la prima volta che l’Iran ha un’altra struttura segreta a Teheran, un magazzino atomico segreto per immagazzinare enormi quantità di materiale e equipaggiamento dal programma segreto sulle armi nucleari dell’Iran. A maggio abbiamo esposto il sito dell’archivio atomico segreto dell’Iran, proprio qui, nel distretto di Shorabad di Teheran. Oggi sto rivelando il sito di una seconda struttura: il magazzino atomico segreto dell’Iran. È proprio qui, nel distretto Turquzabad di Teheran, a pochi chilometri da lì.

Lasciate che ti mostri esattamente come si presenta il magazzino atomico segreto. Ecco qui. Vedete, come l’archivio atomico, è un altro magazzino dall’aspetto innocente. Ora per quelli di voi a casa che usano Google Earth, questo magazzino atomico non più segreto è su Maher Alley, Maher Street. Avete le coordinate, potete provare ad arrivarci. E per quelli di voi che cercano di arrivarci, è a 100 metri dal Kalishoi, la fabbrica di pulizia dei tappeti. A proposito, ho sentito che fanno un ottimo lavoro pulendo i tappeti lì. Ma ormai possono essere tappeti radioattivi. Questo è il secondo sito segreto.

Ora, i paesi con capacità satellitari potrebbero notare un aumento dell’attività su Maher Alley nei giorni e nelle settimane a venire. Le persone che vedranno correre avanti e indietro sono funzionari iraniani che cercano disperatamente di finire il lavoro di pulizia di quel sito. Perché, vedete, da quando abbiamo fatto irruzione nell’archivio atomico, sono stati occupati a pulire il magazzino atomico.

Proprio il mese scorso hanno rimosso 15 chilogrammi di materiale radioattivo. Sapete cosa hanno fatto con questi? Avevano 15 chilogrammi di materiale radioattivo, dovevano portarlo fuori dal sito, così lo tirarono fuori e lo sparsero attorno a Teheran nel tentativo di nascondere le prove. I residenti a rischio di Teheran potrebbero voler sapere che possono ottenere un segnalino Geiger su Amazon per soli $ 29,99. Ad oggi sono solo 4 milioni di rial iraniani, ma ci arriveremo più tardi. Parlerò dell’economia iraniana tra un minuto. Hanno preso questo materiale radioattivo e lo hanno disperso intorno a Teheran.

Ora, i funzionari iraniani che puliscono quel sito hanno ancora molto lavoro da fare perché hanno almeno 15 container, sono giganteschi, 15 container pieni di materiale nucleare e materiale immagazzinato lì. Ora, dal momento che ognuno di questi container può contenere 20 tonnellate di materiale, questo significa che questo sito contiene fino a 300 tonnellate, 300 tonnellate di materiale e materiale relativi al nucleare.

Quindi, Illustri Delegati,

dovete farvi una domanda. Perché l’Iran ha mantenuto un archivio atomico segreto e un magazzino atomico segreto? Perché, dopo tutto, quando il Sud Africa e la Libia rinunciarono ai loro programmi nucleari, la prima cosa che fecero fu distruggere sia gli archivi che il materiale e le attrezzature.

La risposta alla domanda è semplice. La ragione per cui l’Iran non ha distrutto il suo archivio atomico e il suo magazzino atomico è perché non ha abbandonato il suo obiettivo di sviluppare armi nucleari. In effetti, prevedeva di utilizzare entrambi questi siti in pochi anni, quando sarebbe stato il momento giusto per la bomba atomica. Ma, signore e signori, state tranquilli, non succederà. Non accadrà perché ciò che l’Iran nasconde, Israele lo troverà.

Signore e signori,

Ho un messaggio al capo dell’AIEA, il signor Yukiya Amano. Credo che sia un brav’uomo. Credo che voglia fare la cosa giusta. Bene, signor Amano, faccia la cosa giusta. Vada a ispezionare questo magazzino atomico, immediatamente, prima che gli iraniani finiscano di ripulirlo.

Illustri delegati,

vi ricordate quando ci avevano promesso che le ispezioni potevano avvenire in qualsiasi momento, ovunque? Lo ricordate? Sempre e ovunque? Beh, che ne dite di condurre ispezioni proprio qui, proprio ora? E il signor Amano, mentre c’è, ispezioni gli altri siti segreti di cui le abbiamo parlato. Una volta per tutte, raccontare al mondo la verità sull’Iran.

Ora ho anche un messaggio per i tiranni di Teheran: Israele sa cosa state facendo e Israele sa dove lo state facendo. Israele non lascerà mai sviluppare armi nucleari a un regime che chiede la nostra distruzione. Non ora, non tra dieci anni, mai. E Israele farà tutto ciò che deve fare per difendersi dall’aggressione dell’Iran. Continueremo ad agire contro di voi in Siria. Agiremo contro di te in Libano. Agiremo contro di voi in Iraq. Agiremo contro di voi quando e dove dovremo agire per difendere il nostro stato e difendere il nostro popolo.

Illustri delegati,

Tre anni fa, poche settimane dopo che l’accordo nucleare era stato completato, ho posto questa domanda proprio da questo podio: qualcuno crede seriamente che inondare la teocrazia radicale dell’Iran con armi e denaro possa frenare il suo appetito per l’aggressione? Molti dei sostenitori dell’accordo credevano proprio questo. Credevano che il regime iraniano sarebbe diventato più moderato, più pacifico. Credevano che l’Iran avrebbe usato i miliardi di dollari ricevuti in sanzioni per migliorare la vita della sua gente – per risolvere il problema dell’acqua, per risolvere il problema dei trasporti, per risolvere il problema dell’elettricità, ospedali, scuole … Questo è quello che credevano, e forse anche molti di voi lo hanno creduto.

Bene, questo non è successo. Invece, l’Iran ha usato i soldi per alimentare la sua vasta macchina da guerra. Proprio l’anno scorso, l’Iran ha attaccato i curdi in Iraq, ha massacrato i sunniti in Siria, armato Hezbollah in Libano, finanziato Hamas a Gaza, ha lanciato missili in Arabia Saudita e minacciato la libertà di navigazione nello Stretto di Hormouz e nello Stretto di Bab al Mandeb. Che pace … Che moderazione…

E se pensate che l’aggressione dell’Iran sia stata confinata in Medio Oriente, ripensateci. Il mese scorso, due agenti iraniani sono stati arrestati per aver preparato attacchi terroristici proprio qui negli Stati Uniti. E diverse settimane fa, agenti iraniani sono stati arrestati per aver organizzato attacchi terroristici nel cuore dell’Europa.

Eppure, mentre gli Stati Uniti stanno affrontando l’Iran con nuove sanzioni, l’Europa e altri stanno placando (appeasing) l’Iran cercando di aiutarla a superare quelle sanzioni. Ora ho appena usato una parola, una parola dura, una parola molto forte, e lo uso a malincuore, ma sfortunatamente è esattamente quello che stiamo vedendo di nuovo in Europa. Pensate a questo: la stessa settimana in cui l’Iran è stato colto in flagrante nel tentativo di assassinare cittadini europei, i leader europei stavano stendendo il tappeto rosso per il presidente Rouhani, promettendo di dare all’Iran ancora più denaro.

Sono figlio di uno storico, devo chiedere. Ma non chiedo semplicemente come figlio di uno storico, lo chiedo come ebreo, come cittadino del mondo, come qualcuno che ha vissuto il ventesimo secolo: questi leader europei non hanno imparato nulla dalla storia? Si sveglieranno mai?

Bene, noi in Israele, non abbiamo bisogno di un campanello d’allarme, perché l’Iran ci minaccia ogni giorno. Perché nonostante le migliori speranze, e c’erano molte speranze per l’accordo nucleare, questo accordo ha affatto allontanato lontano la guerra. Ha portato la guerra sempre più vicina ai nostri confini. In Siria, l’Iran sta cercando di stabilire basi militari permanenti contro di noi e ha già lanciato missili e droni nel nostro territorio. A Gaza, l’Iran sta armando gruppi terroristici per lanciare attacchi missilistici nelle nostre città e attacchi terroristici contro i nostri civili. In Libano, in Libano, l’Iran sta fornendo il know how a Hezbollah per costruire siti segreti in cui convertire razzi imprecisi in missili guidati con precisione, missili che possono colpire in profondità Israele entro una precisione di dieci metri.

Badate a questo: Hezbollah usa deliberatamente l’innocente popolo di Beirut come scudo umano. Hanno posto tre di questi siti di conversione missilistica a fianco dell’aeroporto internazionale di Beirut.  Ecco un’immagine che vale più di mille missili. Questo è l’aeroporto internazionale di Beirut. Ecco il primo sito missilistico. È nel quartiere di Ouzai sul bordo dell’acqua, a pochi isolati dalla pista. Ecco il secondo sito. È sotto uno stadio di calcio, quello è lo stadio di calcio, a due isolati di distanza. Ed ecco il terzo sito. È adiacente all’aeroporto stesso, proprio accanto ad esso. Quindi oggi ho anche un messaggio per Hezbollah: Israele sa che cosa state facendo. Israele sa dove lo state facendo. E Israele non vi lascerà scappare.

Signore e signori,

Proprio come i sostenitori dell’operazione nucleare avevano torto su cosa sarebbe successo quando le sanzioni sarebbero state rimosse, si sbagliavano, erano completamente in errore, su cosa sarebbe successo quando le sanzioni sarebbero state ripristinate. Hanno sostenuto che le sanzioni statunitensi da sole avrebbero poco impatto economico sull’Iran. Questo è quello che hanno detto. Veramente?

Bene, vediamo cosa è successo all’economia iraniana ora che il presidente Trump ha costretto le compagnie a scegliere tra fare affari con l’Iran e fare affari con gli Stati Uniti, il cui PIL è 50 volte più grande di quello dell’Iran. Un anno fa, l’economia iraniana era in crescita esplosiva. Ora sta crollando. La valuta dell’Iran sta precipitando. L’inflazione e la disoccupazione sono in aumento. Compagnie aeree britanniche, banche tedesche, compagnie petrolifere francesi, importatori giapponesi di petrolio e molti altri si stanno sforzando di uscire. Se questo è un piccolo impatto economico, immaginate che cosa succederà con la prossima serie di sanzioni statunitensi imposte a novembre.

Anche su un altro punto i sostenitori dell’accordo erano in errore. Hanno anche sostenuto che il ripristino delle sanzioni avrebbe unito il popolo iraniano attorno al regime. Beh, vi sono decisamente delle manifestazioni, ma non per il regime. Si stanno schierando contro il regime. Non stanno gridando “Morte all’America”. Dicono “morte alla dittatura”. Non stanno gridando “Esportiamo la rivoluzione islamica”. Dicono: “Lasciamo la Siria!” Lasciamo il Libano! Lasciamo Gaza! Badate a noi in Iran!

Io ascolto queste proteste. Parlo con il popolo iraniano. Dico queste cose con i video e ricevo tante risposte dagli iraniani. All’inizio pensavo che questi fossero esuli iraniani che vivono nella sicurezza di Londra, Parigi o Los Angeles. No. Sono iraniani dell’Iran che abbracciano Israele, che criticano il regime.  Con i loro nomi.  E poco dopo questi messaggi sono scoppiate le proteste, non per quello che ho detto, ma perché qualcosa di straordinario stava avvenendo lì. Perché in queste proteste, il popolo iraniano mostra un incredibile coraggio. Dai centri urbani ai villaggi periferici – e sta abbracciando ora tutto l’Iran – dai mercanti del bazar  alle giovani donne che scoprono i loro capelli, il popolo iraniano sta coraggiosamente affrontando un regime che li ha brutalmente repressi per quattro decenni e che ha sperperato i loro soldi, continua a sperperare il loro denaro in guerre sanguinose in tutto il Medio Oriente.

Ecco cosa dico ai leader europei e agli altri: invece di coccolare i dittatori iraniani, unisciti agli Stati Uniti, a Israele e alla maggior parte del mondo arabo nel sostenere nuove sanzioni contro un regime che mette in pericolo tutti noi e tutto il mondo. Israele è profondamente grato al presidente Trump per la sua audace decisione di ritirarsi dal disastroso accordo nucleare con l’Iran. Molti, molti dei nostri vicini arabi sono anche grati. E anche tutti coloro che si preoccupano della pace e della sicurezza del mondo dovrebbero essere grati.

Ma, signore e signori, ho un’importante confessione da fare. Questo potrebbe sorprendervi, ma devo ammettere che l’accordo con l’Iran ha avuto una conseguenza positiva, non intenzionale, ma una conseguenza positiva. Dando potere all’Iran, l’accordo ha portato Israele e molti stati arabi più vicini che mai, più vicini che mai, in un’intimità e un’amicizia che non ho mai visto in vita mia e che sarebbe stata inimmaginabile qualche anno fa. E sapete, quando le amicizie nascono   da una minaccia, da una sfida, si vedono rapidamente opportunità, non solo per la sicurezza, ma su come portare una vita migliore per gente che Israele può aiutare e vuole aiutare. Israele apprezza profondamente queste nuove amicizie e spero che arriverà presto il giorno quando Israele sarà in grado di espandere la pace, una pace concordata, oltre l’Egitto e la Giordania ad altri vicini arabi, compresi i palestinesi. Non vedo l’ora di lavorare con il presidente Trump e il suo team per la pace per raggiungere questo obiettivo.

Voglio anche sfruttare questa opportunità, siamo all’ONU, è un posto che conosco perché ho servito qui come ambasciatore molti anni fa per molti anni, quindi conosco le Nazioni Unite. Voglio sfruttare questa opportunità per esprimere l’apprezzamento di Israele al presidente Trump e all’ambasciatore Haley per l’incrollabile sostegno che hanno fornito a Israele alle Nazioni Unite. Hanno inequivocabilmente appoggiato il diritto di Israele a difendersi. Hanno giustamente denunciato l’UNESCO e il Consiglio per i diritti umani Onu  moralmente in bancarotta : enti che hanno votato più risoluzioni contro Israele che rispetto a tutto il resto del mondo messo insieme. Dieci volte rispetto a, non so, Iran, Siria. Neppure dieci volte, perché non puoi moltiplicare lo zero per nessun numero. Hanno fermato i finanziamenti, il presidente Trump e l’ambasciatore Haley, hanno smesso di finanziare un UNRWA non riformato, un’organizzazione che invece di risolvere il problema dei profughi palestinesi, la perpetua.

Giorno dopo giorno, l’amministrazione Trump ha resistito a quella che è stata a lungo una specialità qui all’ONU: calunniare Israele. Anche se la vergognosa risoluzione che confrontava il sionismo con il razzismo è stata abrogata 25 anni fa, mi dispiace dire che il suo cattivo odore si sente ancora in queste sale. Israele ha trasportato in aereo gli ebrei etiopi verso la libertà e una nuova vita in Israele, nello stato ebraico. Eppure qui all’ONU Israele è assurdamente accusato di razzismo. I cittadini arabi israeliani votano nelle nostre elezioni, prestano servizio nel nostro parlamento, presiedono i nostri tribunali e hanno esattamente gli stessi diritti individuali di tutti gli altri cittadini israeliani. Eppure qui all’ONU, Israele è vergognosamente accusato di apartheid. Oggi, ci sono almeno cinque volte più palestinesi quanti ce ne furono nel 1948, l’anno della fondazione di Israele. Eppure qui all’ONU, Israele è oltraggiosamente accusato di pulizia etnica.

Signore e signori, sapete di cosa si tratta? È lo stesso vecchio antisemitismo con una faccia nuova di zecca. Questo è tutto.  Una volta, fu il popolo ebraico a essere calunniato e tenuto a un livello inferiore. Oggi, è lo stato ebraico che viene calunniato e tenuto a un livello inferiore. Ecco un esempio: prendete gli attacchi stravaganti che sono stati lanciati contro Israele dopo che la nostra Knesset, il nostro parlamento, ha recentemente adottato una legge che dichiara Israele lo stato nazione del popolo ebraico.

Intendiamoci, Israele è un paese libero. Chiunque può opporsi a una legge e c’è chi lo ha fatto. Puoi chiedere che siano usati termini differenti in questa o quella clausola, oppure puoi che sia aggiunta o tolta una clausola. Tutti possono farlo. Ma quando Israele è chiamato razzista per aver fatto dell’ebraico la sua lingua ufficiale e la stella di Davide la sua bandiera nazionale, quando Israele è etichettato come uno stato di apartheid per dichiararsi lo stato nazionale del popolo ebraico, questo è assolutamente assurdo. E sapete perché? Perché sono rappresentati in questa sala oggi sono più di 100 paesi che hanno una sola lingua ufficiale, anche se molte altre lingue sono comunemente parlate in quei paesi. Ci sono più di 50 paesi qui che hanno croci o mezzelune sulle loro bandiere, anche se hanno molti non musulmani e non cristiani che vivono in mezzo a loro. E ci sono dozzine di paesi che si definiscono stati nazionali di un particolare popolo, anche se ci sono molte minoranze etniche e nazionali all’interno dei loro confini. Nessuno di questi paesi viene denigrato o diffamato per aver celebrato la propria identità nazionale unica. Solo Israele è denigrato. Solo Israele è diffamato. Ciò che è unico riguardo al popolo ebraico non è che abbiamo uno stato nazione. Ciò che è unico è che molti ancora si oppongono al fatto di avere uno stato nazionale.

Qualche attimo fa, il presidente Abbas ha affermato scandalosamente che la legge dello stato di Israele dimostra che Israele è uno stato razzista e apartheid. Presidente Abbas, dovresti pensarci meglio. Hai scritto una tesi di laurea che nega l’Olocausto. La tua Autorità Palestinese impone condanne a morte ai palestinesi per aver venduto terre agli ebrei. Avete sentito? Se un ebreo compra un appartamento, un pezzo di terra in qualsiasi parte dei territori palestinesi, il palestinese che lo ha venduto è giustiziato. Questo è quello che dice la legge. Presidente Abbas, paghi con orgoglio i terroristi palestinesi che uccidono gli ebrei. Anzi, più uccidono, più sono pagati. Anche nella loro legge. E condanni la moralità di Israele? Chiami Israele razzista?

Questa non è la via per la pace. Questo non è il modo per raggiungere la pace che tutti desideriamo e di cui abbiamo bisogno e alla quale Israele rimane impegnato. Questo organismo non dovrebbe applaudire il capo di un regime che paga i terroristi. L’ONU dovrebbe condannare una politica tanto spregevole. E l’ONU, che ha negoziato un cessate il fuoco nel 2014, dovrebbe chiedere a Hamas di liberare i nostri caduti, Oron Shaul e Hadar Goldin, che è stato rapito quando Hamas ha violato quel cessate il fuoco. Hamas dovrebbe anche rilasciare i due cittadini israeliani tenuti prigionieri, Abera Mengistu e Hisham al Sayed.

Signore e signori,

Ogni volta che vengo qui, mi sento come oggi: privilegiato per stare qui come primo ministro dello stato ebraico e democratico di Israele. Alcuni credono che Israele non possa essere sia ebraico che democratico. Questo è falso. Israele è entrambi, e Israele rimarrà sempre entrambi.

Da quando Abramo e Sara hanno fatto il loro viaggio verso la terra promessa quasi 4000 anni fa, la Terra di Israele è stata la nostra patria. È il luogo in cui Isacco e Rebecca, Giacobbe, Lea e Rachele hanno portato avanti la loro eterna alleanza con Dio. È qui che Giosuè ci ha resi una nazione sovrana, dove regnò Davide e Isaia predicò, dove combatterono i Maccabei e dove Masada cadde. È il luogo dal quale siamo stati esiliati e al quale siamo tornati, ricostruendo la nostra antica ed eterna capitale Gerusalemme.

Lo stato nazione di Israele è l’unico luogo in cui il popolo ebraico esercita con orgoglio il nostro diritto collettivo all’autodeterminazione. Questo diritto è stato riconosciuto quasi un secolo fa dalla Società delle Nazioni e oltre 70 anni fa dalle Nazioni Unite, quando ha votato per sostenere la creazione di uno stato ebraico. È quello che ha detto, quella risoluzione: uno stato ebraico.  Allo stesso tempo, Israele è una democrazia vibrante, dove tutti i suoi cittadini – ebrei e non ebrei – godono di uguali diritti individuali, e questi diritti sono garantiti dalla legge. In Israele, che tu sia ebreo o arabo, cristiano o musulmano, druso o beduino o qualsiasi altra cosa, i tuoi diritti individuali sono esattamente gli stessi e rimarranno sempre gli stessi. In quel Medio Oriente, questo non è ovvio; in Medio Oriente, dove le donne sono spesso trattate come proprietà, le minoranze sono perseguitate, i gay sono impiccati, Israele si distingue come un brillante esempio di libertà e progresso.

Signore e signori,

Non potrei essere più orgoglioso di rappresentare il mio paese Israele. Sono orgoglioso del fatto che abbiamo reso Israele una potenza tecnologica globale di creatività strabiliante, nell’informatica, nell’agricoltura di precisione (sapete di cosa si tratta? Puntiamo il fertilizzante e l’acqua verso la singola pianta, non il campo, non la parte di un campo, fino alla pianta). Sono orgoglioso di questi geni, che portano questi sviluppi incredibili, nella gestione delle risorse idriche, nella sicurezza informatica, nei veicoli autonomi, nella salute digitale, nei dispositivi medici e in tanti altri campi che stanno migliorando la vita di miliardi di persone in tutto il mondo. mondo.

Sono orgoglioso dei brillanti studiosi, imprenditori innovativi e artisti di talento di Israele. Sono orgoglioso degli insegnanti devoti di Israele, dei medici compassionevoli e delle nostre squadre di ricerca e salvataggio che salvano vite da Haiti al Messico, dal Nepal alle Filippine. Sono orgoglioso, sono orgogliosissimo dei soldati coraggiosi di Israele, degli uomini e delle donne che difendono coraggiosamente la nostra patria mentre sostengono i valori più alti.

E soprattutto, Signore e Signori, soprattutto sono orgoglioso del popolo di Israele, che trae forza straordinaria dalle profonde sorgenti della nostra eredità, che possiedono uno spirito indissolubile e che sono determinati come sempre a costruire un sicuro e magnifico futuro per il solo ed unico stato ebraico.

Grazie”.

  • Progetto Dreyfus su Instagram

  • FOLLOW US