Messa per il Duce, Alessandra Mussolini l’annuncia proprio il 16 ottobre

Avatar
Redazione
-
News

Messa per il Duce, Alessandra Mussolini l’annuncia proprio il 16 ottobre

News
Avatar
Redazione

Un annuncio aspettato, come ogni anno, come ogni ottobre. Alessandra Mussolini ha ricordato che il 27 ottobre, giorno della Marcia su Roma, ci sarà una messa in suffragio del Duce sepolto a Predappio.

Fin qui nulla di particolarmente sorprendente, almeno in un paese che non riesce a scollarsi di dosso retaggi nostalgici del fascismo.

A balzare agli occhi, però, è la tempistica: la Mussolini ha pubblicato l’annuncio Twitter proprio il 16 ottobre, nel 76° anniversario che ricordava il rastrellamento e la deportazione degli ebrei di Roma, che da quel giorno videro iniziare un calvario finito solo dopo la guerra.

Difficile credere sia stata una coincidenza o sia stata frutto di una dimenticanza. Più facile sostenere che sia stata una mancanza di rispetto e una precisa volontà di macchiare un giorno tragico per gli ebrei di Roma, per la città e per l’Italia intera.

Il cinguettio incriminato è questo:

“La cripta sarà aperta dalle 8:30 alle 18. La messa sarà celebrata alle 11:30 nella chiesa di San Cassiano adiacente al cimitero di Predappio. Il cimitero e la chiesa sono luoghi sacri che richiedono rispetto”.

messa Mussolini Predappio

Cinguettio che ha visto la risposta del vicepresidente dell’Anpi, Emilio Ricci, che ha commentato

 “Il rispetto per i morti c’è. Il problema è che questa commemorazione non si trasformi in un’apologia del fascismo e della celebrazione di Mussolini che è stato una disgrazia per l’Italia. Ha trascinato l’Italia in un dramma che non è stato solo quello della guerra ma della soppressione delle libertà democratiche. Non vanno tollerate manifestazioni di stampo fascista. Abbiamo rispetto per le vicende personali della famiglia ma siamo molto duri dal punto di vista politico e morale. Noi non dimentichiamo, siamo difensori della memoria e di tutti i martiri massacrati dai nazisti e dai fascisti”.

A decenni di distanza c’è ancora chi ama ricordare il fascismo, facendo finta di non vedere gli enormi tragedie commesse e i problemi che ha comportato in Italia dal dopoguerra a oggi…

  • Progetto Dreyfus su Instagram

  • FOLLOW US