Marinella Pacifico, la neo senatrice M5S tra antisionismo e no vax

Avatar
Redazione
-
News

Marinella Pacifico, la neo senatrice M5S tra antisionismo e no vax

News
Avatar
Redazione

Marinella Pacifico, eletta senatrice del M5S nell’ultima tornata elettorale, è stata segnalata ai probiviri del movimento per diverse dichiarazioni postate sui social network nei mesi scorsi.

Queste le idee della pentastellata che hanno portato al provvedimento: i sionisti sono i veri nemici, lo scrittore Roberto Saviano è un massone e i sindacati andrebbero eliminati.

A far sbarrare gli occhi è anche la professione di Marinella Pacifico: insegnante di geopolitica in un liceo di Cisterna di Latina. Professione che ha un contatto diretti coi giovani, che andrebbero istruiti e non disinformati.

La Pacifico ha percorso le strade del territorio girando in camper e alla fine e riuscita a guadagnare un seggio a palazzo Madama.

Da un ramo del Parlamento a un altro: la Camera, la cui presidentessa Laura Boldrini è stata definita in un post su Facebook datato 11 dicembre 2017 “una sionista che si gode lo spettacolo di Noa”:

“E mentre la sionista Boldrini si gode lo spettacolo di Noa, il suo amico del Bene Comune si ritrova in giunta un assessore in meno”.

Marinella Pacifico è una dichiarata no vax e si professa “fruttariana” (si nutre esclusivamente di frutta) e sostiene:

“I malati di cancro vengono alimentati con cibi altamente acidi che determinano il crollo fisico”.

È sullo scrittore Roberto Saviano che si concentrano altre delle sue attenzioni:

“Si lamentano tutti per la mafia e poi fanno la fila per questo massone. “Venduto alla massoneria”.

Non poteva mancare un pizzico di fascismo. In un post su Facebook del 20 luglio scorso, Marinella Pacifico ha dato il proprio sostegno a coloro che protestavano contro il cambio di denominazione di un parco di Latina che da Arnaldo Mussolini è diventato in memoria di Falcone e Borsellino:

“I sostenitori della legalità hanno riconosciuto il coraggio dei cittadini di Latina nel pretendere il rispetto della storia e delle origini della nostra città di fondazione”.

  • Progetto Dreyfus su Instagram

  • FOLLOW US