Il Pd di Milano e i Fratelli Musulmani: un legame inquietante

Spulciando le candidature vengono alla luce nominativi con una vicinanza sospetta con l'organizzazione fondamentalista musulmana

Avatar
David Spagnoletto
-
News

Il Pd di Milano e i Fratelli Musulmani: un legame inquietante

Spulciando le candidature vengono alla luce nominativi con una vicinanza sospetta con l'organizzazione fondamentalista musulmana

News
Avatar
David Spagnoletto

elezioni-milano-pd-fratelli-musulmani-progetto-dreyfus

Il Partito Democratico di Milano strizza l’occhio ai Fratelli Musulmani. Nelle proprie liste il PD ha inserito il nome di Sumaya Abdel Qader fra i candidati per il Consiglio comunale. Una scelta che sta sollevando numerose polemiche che vanno sommate a quelle intorno alla figura di Sam Aly, la cui candidatura al municipio 4 sembrava cosa fatta, salva poi la marcia indietro del partito che ha fatto sapere che nulla è ancora stato deciso in merito.

Ma chi sono costoro? Sumaya Abdel Qader, 38 anni, è la responsabile del settore giovanile europeo dei Fratelli musulmani. La sua biografia ufficiale spiega che è nata a Perugia nel 1978 da immigrati giordano-palestinesi. Fra i vari titoli e qualifiche – tra cui quello di responsabile culturale del Caim (Coordinamento delle associazioni islamiche di Milano e Brianza) guidato da Davide Piccardo – c’è un’omissione che non è sfuggita a Valentina Colombo, tra le massime esperte di islam italiano. Omissione che la docente di Geopolitica del mondo islamico presso l’Università europea di Roma ha portato alla ribalta: Sumaya Abdel Qader ha evitato di indicare l’incarico più prestigioso che la vede responsabile del dipartimento giovani e studenti della Fioe (Federation of Islamic Organizations in Europe) ovvero la principale espressione dei Fratelli musulmani in Europa. La domanda è d’obbligo: perché la Abdel Qader non fa menzione di un ruolo che ha un peso enorme a livello internazionale? Semplice, perché la metterebbe in relazione con i Fratelli musulmani, l’organizzazione politica le cui posizioni non sono propriamente moderate. Ma se Sumaya ha provato a celare un “particolare” che potrebbe crearle qualche imbarazzo, così non ha fatto Pierfrancesco Majorino, assessore democratico alle Politiche sociali del Comune di Milano, che ha partecipato a inizio di marzo al lancio del “progetto Aisha”. Secondo i promotori, fra cui la stessa Sumaya, era una modo per combattere la violenza sulle donne. La differenza, però, si annida nei dettagli. Aisha, infatti, è una delle mogli di Maometto, che la sposò quando aveva non più di nove anni e il suo esempio in alcuni Paesi islamici è utilizzato per giustificare il fenomeno delle “spose bambine”.

Sam Aly è stato fotografato accanto a Tareq Suwaidan, l’imam radicale a cui poche settimana fa il Viminale ha negato l’ingresso in Italia.

La candidatura di Sumaya Abdel Qader e il “mistero” di quella di Sam Aly rende evidente il legame fra il partito che guida il Paese e la Fratellanza Musulmana. Legame che non dovrebbe lasciare indifferente né il mondo politico né l’opinione pubblica.

  • Progetto Dreyfus su Instagram

    This error message is only visible to WordPress admins

    Error: API requests are being delayed for this account. New posts will not be retrieved.

    There may be an issue with the Instagram access token that you are using. Your server might also be unable to connect to Instagram at this time.

    Error: No posts found.

    Make sure this account has posts available on instagram.com.

    Click here to troubleshoot

  • FOLLOW US