“Heal Hitler”, il nuovo videogioco che ironizza sulla Shoah

Avatar
Redazione
-
News

“Heal Hitler”, il nuovo videogioco che ironizza sulla Shoah

News
Avatar
Redazione

Molte persone non sono state in grado di recepire la memoria della Shoah. I milioni di morti, le atrocità subite, il dolore delle vittime sembrano essere arrivati alle ultime generazioni come scatole vuote.

Il rispetto che si deve a questa tragedia dell’umanità continua a essere sempre di meno, ogni giorno che passa.

Dalle facili ironie su Anna Frank agli insulti a Liliana Segre, passando per ultimo leitmotiv che vuole il Green Pass una costrizione come le barbarie subite dagli ebrei durante la seconda guerra mondiale.

Da questo calderone irrispettoso e poco edificante, sono entrati a far parte anche i giochi. Dopo “Secret Hitler” e il “Gioco nazista”, ultimo in ordine di tempo è “Heal Hitler” (guarire Hitler), un videogame, ambientato nel 1925, dove il giocatore veste i panni dello psicologo e deve curare la pazzia di Adolf Hitler.

La descrizione del gioco, che si basa sull’assonanza Heil-Heal Hitler, recita:

“Sei lo psicologo di Hitler nel 1925. Diagnostica i suoi problemi usando la psicoterapia junghiana e freudiana e tenta di guarirlo. Se avrai successo eviterai la guerra”. 

Il Führer viene presentato come un “nuovo cliente, il signor Hitler” che dice di avere “problemi di rabbia”:

“Utilizzerai tecniche psicoanalitiche per diagnosticare la fonte del suo trauma, che potrebbe scatenare la sua rabbia e il suo odio”.

Il gioco non è stato salutato come erano gli intenti del suo ideatore, Jon Aegis, secondo cui Heal Hitler è pensato in ogni dettaglio e una sua funzione salvifica.

Di tutt’altro avviso, Daniel Kennedy, studioso della Shoah, che ritiene il videogioco “incredibilmente di cattivo gusto”:

“L’intera premessa del gioco è di così cattivo gusto che posso solo supporre che sia stata deliberatamente progettata per causare offesa”.

Più di qualcosa è andato storto nella trasmissione della memoria della Shoah, la cui banalizzazione è in atto già da alcuni anni.

Una banalizzazione che va combattuta con ogni mezzo lecito possibile, perché non si può scherzare sul dolore e sulla morte di milioni di persone.

  • Progetto Dreyfus su Instagram

    This error message is only visible to WordPress admins

    Error: API requests are being delayed for this account. New posts will not be retrieved.

    There may be an issue with the Instagram access token that you are using. Your server might also be unable to connect to Instagram at this time.

    Error: No posts found.

    Make sure this account has posts available on instagram.com.

    Click here to troubleshoot

  • FOLLOW US