Hezbollah, sanzioni Usa contro la rete finanziaria

Avatar
Redazione
-
News

Hezbollah, sanzioni Usa contro la rete finanziaria

News
Avatar
Redazione

Sanzioni Usa contro gli Hezbollah per destabilizzare l’influenza iraniana nella regione. Sarebbe questa la mossa del presidente Donald Trump contro il programma nucleare della Repubblica Islamica.

Il dipartimento del Tesoro americano ha messo nel mirino sei individui e una rete di sette società in Libano, Liberia, Ghana e altri paesi che hanno un legame con il finanziere di Hezbollah Adham Tabaja.

Secondo alti dirigenti dell’amministrazione statunitense, questo è la “prima ondata” di una campagna più ampia per destabilizzare Hezbollah, sostenuto da Teheran.

L’organizzazione terroristica libanese – accusano gli Stati Uniti – ha finanziato il terrorismo in Siria e nello Yemen e percepisce oltre 700 milioni di dollari l’anno dall’Iran, da cui dipende in larga misura.

Il segretario del Tesoro Usa. Steven Mnuchin, ha dichiarato:

“Hezbollah è un’organizzazione terroristica responsabile della morte di centinaia di americani. È anche il principale delegato usato dall’Iran per indebolire i governi arabi legittimi in tutto il Medio Oriente. L’amministrazione è determinata a smascherare e distruggere le reti di Hezbollah, comprese quelle in Medio Oriente e in Africa occidentale, utilizzate per finanziare le loro operazioni illecite”.

Il presidente Trump sta cercando di colpire la rete finanziare di Hezbollah in Libano senza però creare ripercussioni sul settore bancario della nazione del Medio Oriente. Allo contempo, il governo di Washington, secondo un funzionario citato da Bloomberg, non ha intenzione di alienare la comunità musulmana sciita del Libano.

Hezbollah è un’organizzazione libanese, sorta nell’estate del 1982 e diventata in seguito anche un partito politico sciita del Libano, considerata un gruppo terroristico da Israele, Stati Uniti, Egitto, Australia, e Canada.

L’Unione europea ha inizialmente rifiutato di etichettare l’organizzazione come terroristica, anche se il Parlamento europeo ha adottato il 10 marzo 2005 una risoluzione,  non vincolante, che ha messo sul banco degli imputati Hezbollah per aver condotto “attività terroriste”. Il Consiglio d’Europa, in seguito, ha accusato il celebre terrorista Imad Mughniyeh di essere membro di Hezbollah.

  • Progetto Dreyfus su Instagram

  • FOLLOW US