Gli israeliani non sono birilli

Gianluca Pontecorvo
Gianluca PontecorvoVice Presidente Progetto Dreyfus
-
Israele

Gli israeliani non sono birilli

Israele
Gianluca Pontecorvo
Gianluca PontecorvoVice Presidente Progetto Dreyfus

Doppio attentato Gerusalemme

In meno di pochi mesi sono tre gli attentati terroristici di matrice palestinese che hanno afflitto la popolazione civile israeliana e che complessivamente hanno portato a 3 morti e decine di feriti. Ancor prima, nel periodo estivo, ancora una volta fu una Gru manovrata sempre da un palestinese a seminare il panico in un quartiere ebraico di Gerusalemme. In tutto questo la situazione geopolitica internazionale stenta a prendere decisioni coraggiose ma gli attentatori palestinesi non perdono tempo e falciano i gerosolomitani come fossero birilli del bowling. Che a farne le spese è anche una bambina di 3 mesi per loro è solo un insignificante dettaglio.

Nel mentre cambiano anche le modalità con i quali i Jihadisti – anche quello di oggi era legato ad Hamas – portano avanti la propria guerra santa. Una volta, previo indottrinamento e lavaggio del cervello, poveri disperati venivano inviati nei bar e sugli autobus delle città israeliane con l’obiettivo di farsi saltare in aria. Poi è arrivato il Muro di Difesa e tutto è cambiato. In pochi anni si passò da centinaia di morti ogni anno per attentati terroristi ad un tasso del -98,8% di attacchi. Oggi invece le forze di sicurezza e difesa israeliane si trovano davanti ad un nuovo mostro davvero difficile da fermare: autisti apparentemente innocui che si lanciano a tutta velocità contro le fermate dell’autobus con l’obiettivo di uccidere o ferire più persone possibili.

Diversi esperti del settore e studiosi in Israele stanno già affrontando il problema per cercare soluzioni per evitare nuovi attacchi simili. Sembra infatti che sbarre d’acciaio circonderanno fermata tram. Questa è purtroppo la condizione in cui, ancora una volta, la popolazione civile israeliana è costretta a vivere per aver salva la vita e poter svolgere una vita quanto più serena e sicura possibile. Sarebbe tutto più facile se non fosse che gli stessi leader politici palestinesi si complimentano con gli attentatori dei precedenti attacchi. Come si può parlare di pace se questi sono gli interlocutori e questa è la situazione?

  • Progetto Dreyfus su Instagram

  • FOLLOW US