A Gerusalemme un grande evento per gli ebrei di tutto il mondo: la via del pellegrinaggio, riaperta dopo 1950 anni.

Ugo Volli
Ugo Volli
-
Israele, News

A Gerusalemme un grande evento per gli ebrei di tutto il mondo: la via del pellegrinaggio, riaperta dopo 1950 anni.

Israele, News
Ugo Volli
Ugo Volli

Gerusalemme. L’archeologia è sempre affascinate, perché ci consente di toccare con mano dove in in qualche misura anche come vivevano popolazioni antiche di cui abbiamo solo notizie letterarie o storiche: si possono vedere i fori in cui parlava Cicerone, le tombe gigantesche dei Faraoni più grandi, una città  della costa anatolica che fu bruciata tremila e cinquecento anni fa e forse è davvero Troia, i resti imponenti dei Sumeri, degli Ittiti, degli antichi imperi indiani e sudamericani…

Ma ci sono delle volte in cui l’archeologia parla al cuore e alla mente degli uomini contemporanei, quando i resti ritrovati corrispondono perfettamente ad antichi riti e narrazioni e permettono di capire meglio l’eredità dei secoli. E’ il caso innanzitutto di Gerusalemme e di altri luoghi della Terra di Israele, dalla Tomba dei Patriarchi a Hebron ai luoghi delle battaglie e degli eventi raccontati nei testi della tradizione ebraica. Sono luoghi che hanno un senso insieme religioso e storico, perché riguardano eventi del passato che sono oggetto della memoria religiosa dell’ebraismo. Così il Tunnel di Hezekya, l’acquedotto dell’ottavo secolo prima della nostra epoca che aveva lo scopo di portare acqua in città in previsione dell’assedio assiro, che poi avvenne; o la “casa bruciata” nel quartiere ebraico della Città Vecchia, una dimora probabilmente aristocratica, che porta i segni dell’incendio appiccato dai romani dopo la distruzione del Secondo Tempio.

Oggi a questi reperti e ai molti altri, di cui naturalmente il principale è il Muro Occidentale che sosteneva la spianata del Tempio estesa artificialmente da Erode, se ne è aggiunto un nuovo, il percorso (o tunnel, perché oggi in buona parte è sotterraneo) dei pellegrini. Della sua esistenza si sapeva da tempo, da quando il grande archeologo Dan Bahat scoprì i gradini che portavano i pellegrini al Tempio nell’area a Sud dell’attuale moschea di Al Aqsa, fuori dalle mura di Solimano. Quel che è accaduto nei giorni scorsi è l’inaugurazione del tratto finale del percorso dei pellegrini, che dalla “piscina” (in realtà vasca di raccolta) di Siloam, nella valle di Ghinnom (dove i pellegrini potevano praticare l’immersione rituale per purificarsi), saliva attraverso la “città di Davide”  fino al Tempio.

E’ difficile sopravvalutare l’importanza di questo percorso per chi non conosce qualcosa della tradizione ebraica. Il pellegrinaggio (anzi la “salita” fisica e spirituale) era obbligatoria nelle tre feste di Pesach (Pasqua), Shavuot (le Settimane o “Pentecoste) e Shavuot (la festa delle Capanne). Ci sono irimasti i “salmi dei gradini” che i pellegrini cantavano, sappiamo che vi era una decima da spendere a Gerusalemme in queste occasioni, gli storici antichi parlano di milioni di pellegrini che si radunavano in città, tanto – negli ultimi periodi del Tempio – da obbligare i romani occupanti a spostare la guarnigione dalla loro capitale Cesarea.  Non è possibile  non emozionarsi a questa notizia per  chi si senta erede di questa tradizione. Basta sapere che dalla conquista di Davide alla distruzione di Tito per più di mille anni questo rituale è stato ripetuto da re, profeti, maestri, gente comune; e che poi è stato vagheggiato da tutte le generazioni ebraiche, a partire dai saggi del Talmud che si avventuravano nelle rovine, come si racconta all’inizio del trattato Berakhot e che discutevano a partire da quale età dei figli i padri fossero obbligati a portarli al pellegrinaggio, a  Maimonide e Nachmanide, da Luria e Cordovero fino a Herzl e ai liberatori di Gerusalemme di cinquant’anni fa,e. E anche per i cristiani questo percorso ha molto senso, perché certamente fu seguito da Gesù, dai suoi apostoli e dai primi seguaci.

Ma naturalmente Gerusalemme è investita dalla guerra propagandistica che i palestinisti fanno contro Israele. Sopra quel che era la città di Davide, il nucleo civile più antico della città, oggi vi è il sobborgo arabo di Silwan (in realtà fondato pochi decenni fa, riutilizzando il nome biblico di Siloam). Il lavoro degli archeologi è contrastato in tutti i modi dai palestinisti e paradossalmente anche dall’Unesco, che ogni anno approva mozioni per condannare gli scavi archeologici che recuperano il passato della città. L’apertura del tunnel, alla presenza dell’ambasciatore americano è stata duramente contestata dalla Giordania (che nei diciott’anni in cui occupò Gerusalemme, dal ‘48 al ‘67, distrusse tutte le sinagoghe e usò le lastre tombali millenarie dei cimiteri ebraici per lastricare le strade) e dall’Autorità Palestinese, che l’ha qualificata come “attività di giudaizzazione nella Gerusalemme est occupata“. Giustamente l’inviato americano in Medio Oriente Greenblatt ha definito tali affermazioni “ridicole”, e ha aggiunto:

“Non si può ‘giudaizzare’ ciò che mostrano la storia e l’archeologia. Si può solo prenderne atto e smettere di fingere che non sia vero. La pace può essere costruita solo sulla verità”.

E l’ambasciatore americano Friedman ha dichiarato:

“Il parco archeologico della Città del David porta verità e scienza in un dibattito che da troppo tempo è inquinato da miti e inganni. I suoi ritrovati, nella maggior parte dei casi frutto del lavoro di archeologi laici, fanno giustizia dei tentativi infondati di negare la realtà storica dell’antico legame fra Gerusalemme e popolo ebraico [… Così si] porta alla luce la verità storica di quel periodo cruciale della storia ebraica – ha aggiunto l’ambasciatore americano – La pace tra Israele e palestinesi deve basarsi su un fondamento di verità. La Città di David contribuisce al nostro obiettivo collettivo di perseguire una soluzione fondata sulla verità. È importante per tutte le parti coinvolte nel conflitto”.

  • Progetto Dreyfus su Instagram

  • FOLLOW US