Giovani Fratelli d’Italia usano l’immagine di Fiano, è polemica

Avatar
Redazione
-
News

Giovani Fratelli d’Italia usano l’immagine di Fiano, è polemica

News
Avatar
Redazione

“Quando scopri che Atreju è alla 21esima edizione e si supera il ventennio”. È la scritta che i giovani di Fratelli d’Italia hanno accompagnato all’immagine che raffigurava Emanuele Fiano, utilizzata come locandina dell’evento Atreju, che si terrà a Roma dal 21 al 23 settembre prossimi. 

Emanuele Fiano, deputato del Partito Democratico, è stato uno dei sostenitori della legge contro l’apologia di fascismo, nonché figlio di Nedo, sopravvissuto all’inferno di Auschwitz.

L’utilizzo di una sua foto è una chiara provocazione che sta suscitando numerose polemiche. Il capogruppo Pd alla Camera, Graziano Delrio, ha manifestato la propria vicinanza al compagno di partito:

“Spregevole accostare il volto di Emanuele Fiano a un’iniziativa che chiaramente evoca il fascismo. Esprimo sincera solidarietà a Emanuele e ferma condanna per simili atti che offendono la memoria democratica e antifascista dell’Italia”.

Diametralmente opposta la reazione di Giorgia Meloni che sul suo profilo ufficiale di Facebook ha pubblicizzato l’iniziativa senza però postare la foto incriminata:

“Udite udite: le proposte di Fiano non si possono prendere in giro. E questi sono i democratici… Ma secondo voi questi del Pd pensano veramente di riuscire a farsi votare con questi argomenti?”.

Prima era arrivata la dichiarazione dell’”inconsapevole” protagonista della locandina:

“Ancora non ci eravamo arrivati. Farsi pubblicità con la propria frustrazione di essere nipotini dei fascisti. Scrivo qui un messaggino per Giorgia Meloni, segretaria del Partito, il cui movimento giovanile è organizzatore di questo incontro. Il ventennio non è stato superato. Il ventennio è stato sconfitto dagli antifascisti, dai partigiani e dagli alleati. Ricordatevelo. Noi ce lo ricorderemo sempre, perché siamo figli o discendenti di quelli che dal dittatore del ventennio e dai suoi scherani, furono stuprati, torturati, uccisi, consegnati nelle mani dei nazisti e poi deportati nei lager nazisti dove furono gasati e bruciati. A 80 anni esatti dalle leggi razziali, si possono ritoccare molte cose con Photoshop. Non si può ritoccare la storia”.

Già lo scorso anno Emanuele Fiano è stato oggetto di scherno. Quell’Emanuele Fiano che combatte le battaglie che dovrebbe essere di tutti e invece rimangono, spesso, appannaggio di pochi…

  • Progetto Dreyfus su Instagram

    This error message is only visible to WordPress admins

    Error: API requests are being delayed for this account. New posts will not be retrieved.

    There may be an issue with the Instagram access token that you are using. Your server might also be unable to connect to Instagram at this time.

    Error: No posts found.

    Make sure this account has posts available on instagram.com.

    Click here to troubleshoot

  • FOLLOW US