Elezioni, fascio littorio nel simbolo di una lista anche se contrario alla Costituzione

Avatar
Redazione
-
News

Elezioni, fascio littorio nel simbolo di una lista anche se contrario alla Costituzione

News
Avatar
Redazione

Fasci italiani del lavoro e il fascio littorio. Sono il nome e il simbolo del movimento presente nelle liste alle elezioni amministrative a Sermide e Felonica. Movimento la cui candida sindaco Fiamma Negrini, vent’anni e diplomata in ragioneria, è stata eletta al Consiglio comunale della provincia di Mantova con 334 voti, conquistando il 10,42% dei voti.

Lo slogan di Fasci italiani del lavoro è “il futuro è tornato”, anche se a dire il vero l’unica cosa a tornare è il passato, visto la chiara ispirazione fascista del movimento coordinato da Claudio Negrini, che non hai mai nascosto la propria ammirazione per Benito Mussolini e il Fascismo.

Sul sito web, i Fasci italiani del Lavoro negano “l’asserita estraneità e avversione maggioritaria del popolo italiano verso il regime politico denominato ‘fascista’” e sui social usano la retorica e il vocabolario tipico di quel periodo storico che in Italia ha causato morte e nefandezze.

Il fatto sconcertante non è solo la presenza in una consultazione elettorale di un movimento contrario alla Costituzione italiana (legge Scelba e Mancino), ma che quella del 2017 non è stata l’unica apparizione.

Nelle elezioni del 2002, infatti, sempre a Sermide, i Fasci Italiani del Lavoro si sono presentati alle amministrative, candidando come primo cittadino Claudio Negrini, che al Corriere della Sera si diceva “orgoglioso di essere fascista” e  “orgoglioso di non aver mai rinnegato Benito Mussolini”. Lo stesso accadde nel 2007 e nel 2012. Tutto fra il silenzio generale.

Già nel 1994 Negrini provò a presentare la  lista “Fascismo e Libertà”, che però venne bloccata dalla Commissione elettorale di Mantova.

Il successo elettorale di quest’ultima elezione ha acceso i fari su una incredibile falla del sistema, che ha portato la presidente della Camera, Laura Boldrini, a scrivere al ministro dell’Interno Marco Minniti:

L’ammissione alle elezioni di una lista che si richiama dichiaratamente a nomi e immagini del partito fascista desta forti perplessità sul piano giuridico in quanto sembra contrastare con le norme costituzionali e legislative che vietano la riorganizzazione, sotto qualsiasi forma, del partito fascista. In questo senso ricordo che anche le “Istruzioni per la presentazione e l’ammissione delle candidature”, emanate nello scorso mese di maggio dal Ministero dell’Interno, stabiliscono che le commissioni elettorali circondariali ricusano ‘i contrassegni in cui siano contenute espressioni, immagini o raffigurazioni che facciano riferimento a ideologie autoritarie (per esempio le parole “fascismo”, “nazismo”, “nazionalsocialismo” e simili), come tali vietate dalla XII disposizione transitoria della Costituzione.

  • Progetto Dreyfus su Instagram

    This error message is only visible to WordPress admins

    Error: API requests are being delayed for this account. New posts will not be retrieved.

    There may be an issue with the Instagram access token that you are using. Your server might also be unable to connect to Instagram at this time.

    Error: No posts found.

    Make sure this account has posts available on instagram.com.

    Click here to troubleshoot

  • FOLLOW US