Consigliere Lega mette like a post su Hitler e forni crematori

Avatar
Redazione
-
News

Consigliere Lega mette like a post su Hitler e forni crematori

News
Avatar
Redazione

Un consigliere comunale della Lega ha messo like a un post su Facebook in cui si parlava di Hitler e forni crematori.

L’episodio è andato in scena a Ferrara, dove il politico del Carroccio, Luca Caprini, si è reso protagonista di quello che ha definito “una leggerezza di cui mi vergogno”, sostenendo di non aver letto il post incriminato.

Ma andiamo con ordine.

Ieri è comparso su Facebook un post sull’esibizione del cantante Sylvestre, in cui l’autore scrive “Ma quel signore con i baffi che usava i forni crematori non c’è più?”, accompagnandolo a un chiaro riferimento ad Adolf Hitler.

Il primo “Mi piace” è proprio di Caprini, che oltre a essere consigliere comunale, è anche un poliziotto e segretario provinciale del Sap, il Sindacato autonomo di polizia.

Un apprezzamento che scatena le polemiche, tanto che Ilaria Cucchi indirizza un appello a Franco Gabrielli, il capo della polizia, cui chiede:

“Se un comportamento simile è consono a un appartenente all’istituzione che Lei rappresenta”.

A prendere una posizione più strettamente politica è Nicola Fratoianni, portavoce di Sinistra Italiana, che auspica provvedimenti disciplinari “immediati e seri”, affermando di voler chiedere un’interrogazione parlamentare al ministro degli Interni Luciana Lamorgese.

A quel punto Luca Caprini prova a difendersi, dicendo che lo spiacevole episodio è figlio di

“Una leggerezza di cui mi vergogno. Ho messo quel ‘like’ senza neppure leggere cosa aveva scritto l’autore del post, lo conosco, è il mio gommista”.

Dopo il consigliere comunale della Lega chiude la sua pagina Facebook, diventata luogo di proteste e insulti.

Come sempre accade in questi casi, non si hanno prove per additare a Caprini come simpatizzante neonaziste. Ciò che possiamo affermare con assoluta certezza è che, vista i suoi ruoli di consigliere comunale e segretario provinciale del Sindacato autonomo di polizia, non può permettersi leggerezze simili.

Cosa rimane dell’ennesima vicenda in cui un personaggio pubblico è coinvolto in un post inneggiante il nazismo?

Che non siamo un popolo di lettori, come le file fuori dalle librerie volevano farci credere.

Che l’Italia post-quarantena non è migliore dell’Italia che l’ha preceduta. Un’Italia dove i social e la “sbadataggine”, a vari livelli, sembrano essere i protagonisti di una ripresa lenta e difficile.

  • Progetto Dreyfus su Instagram

    This error message is only visible to WordPress admins

    Error: API requests are being delayed for this account. New posts will not be retrieved.

    There may be an issue with the Instagram access token that you are using. Your server might also be unable to connect to Instagram at this time.

    Error: No posts found.

    Make sure this account has posts available on instagram.com.

    Click here to troubleshoot

  • FOLLOW US