Bulgaria, condannati due membri di Hezbollah per l’attentato ai turisti israeliani

Avatar
Redazione
-
News

Bulgaria, condannati due membri di Hezbollah per l’attentato ai turisti israeliani

News
Avatar
Redazione

C’è il gruppo terroristico Hezbollah dietro l’attentato ai turisti israeliani avvenuto a Burgas, in Bulgaria, avvenuto il 18 luglio 2012. A confermarlo è stato il tribunale di Sofia, che ha individuato in Mohamed Hassan al-Husseini l’autore dell’attacco sucidida che, secondo l’accusa, è stato aiutato da Hassan al-Haj Hassan e Meliad Farah, entrambi condannati all’ergastolo in contumacia e al momento latitanti.

Il tribunale, inoltre, ha stabilito che i due dovranno risarcire i feriti e i parenti delle vittime per una cifra pari a 500 milioni di lev (circa 275 milioni di franchi).

L’attentato contro i turisti israeliani in vacanza sul Mar Nero avvenne, come scritto sopra, il 18 luglio 2012, quando un attacco suicida all’interno di autobus causò la morte di sei persone (cinque israeliani e il conducente) e il ferimento di altre trentasette.

Al momento dell’attacco suicida, le persone a bordo del mezzo erano quarantasette: alcune riuscirono a salvarsi scappando dal buco causato dall’esplosione. Nell’immediatezza dell’attentato le testimonianze aiutarono le autorità a ricostruire quanto avvenuto. Un testimone raccontò di aver sentito l’esplosione subito dopo aver visto qualcuno salire sul mezzo, mentre un altro disse a una radio dell’esercito israeliano:
“E’ stato un attentato suicida. Ci siamo seduti, pochi secondi dopo abbiamo avvertito la grande esplosione e siamo scappati, passando attraverso uno squarcio nell’autobus. Abbiamo visto corpi e tanti feriti”.

Ormai sono settimane che continuiamo a scrivere dell’eccessiva mobilità che caratterizza Hezbollah in Europa. Membri del gruppo terroristico libanese, braccio armato dell’Iran, stanno attraversando il Vecchio Continente in un lungo e in largo. 

È di pochi giorni fa la notizia, arrivata dagli Usa, che Hezbollah avesse intenzione di colpire l’Italia, avendovi nascosto armi, così come in Spagna, Francia, Grecia e Svizzera. Armi fra cui va annoverato il nitrato di ammonio, diventato l’involontario protagonista della tremenda esplosione che ha devastato il porto di Beirut il 4 agosto scorso.

Quanto dovrà ancora passare prima che l’Unione Europa inserisca Hezbollah nella sua black list senza fare distinzioni fra ala militare e ala politica? Come mai alcuni paesi europei hanno condannato a 360 gradi il gruppo terroristico sciita ma non riescono a far sentire la propria voce ai piani altri dell’Ue? Eppure tra gli stati che hanno preso questa decisione ci sono governi potenti come quello della Germania e del Regno Unito…

  • Progetto Dreyfus su Instagram

    This error message is only visible to WordPress admins

    Error: API requests are being delayed for this account. New posts will not be retrieved.

    There may be an issue with the Instagram access token that you are using. Your server might also be unable to connect to Instagram at this time.

    Error: No posts found.

    Make sure this account has posts available on instagram.com.

    Click here to troubleshoot

  • FOLLOW US