Berlino, antisemitismo fra i banchi di scuola

Avatar
Redazione
-
Antisemitismo

Berlino, antisemitismo fra i banchi di scuola

Antisemitismo
Avatar
Redazione

Caso di antisemitismo a Berlino. Un studente ebreo di 14 anni è stato fatto vittima di razzismo e bullismo a causa di una colpa che non dovrebbe essere tale: la religione. A minacciarlo e a rivolgergli insulti sono stati alcuni dei suoi compagni di scuola di origine araba e turca. La preoccupazione per i continui atteggiamenti e comportamenti figli dell’intolleranza hanno spinto la famiglia a ritirarlo dall’istituto, che si trova a Friedenau, un quartiere dove il 75% degli studenti non è di madrelingua tedesca.

Il ragazzo e sua madre hanno rivelato gli episodi di antisemitismo prima a “The Jewish Chronicle” e poi ad altri media, che hanno riacceso il dibattito sull’odio nei confronti degli ebrei.

Il 14enne ha raccontato di esser stato afferrato per il collo e minacciato con una pistola giocattolo da altri due ragazzi mentre era alla stazione dell’autobus:

“Quando mi sono trovato in quella situazione, non ho avuto il tempo di pensare. Ma ora, a posteriori, penso: mio Dio!”.

Uno dei suoi compagni si è rivolto a lui con queste parole: “In realtà sei un tipo cool, ma io non posso essere tuo amico. Gli ebrei sono tutti assassini”.

Mi piaci, ma io e te non possiamo essere amici perché tu sei ebreo e gli ebrei sono assassini. È una frase che non dovrebbe uscire alla bocca di nessuno, ma sapere che a pronunciarla è stata un ragazzino, che crede nell’impossibilità di avere amici di altri religione è qualcosa di ancora più aberrante.

Qui, dobbiamo porci una domanda: questa cultura dell’intolleranza e dell’odio è figlia di un’educazione famigliare o dettata da influenze esterne?

E la scuola quali provvedimenti ha preso nei confronti dei responsabili? Al momento nessuno, l’istituto sta ancora valutando la possibilità di espellere i responsabili. Una reazione comunque tardiva secondo il presidente del Consiglio centrale degli ebrei Josef Schuster che ha commentato: “Si tratta di un caso di antisemitismo della specie più nauseante”.

A destare ancora più preoccupazione sono state le parole dell’ex presidente del consiglio centrale degli ebrei Charlotte Knobloch secondo cui questo: “Non è un caso isolato”.

  • Progetto Dreyfus su Instagram

    This error message is only visible to WordPress admins

    Error: API requests are being delayed for this account. New posts will not be retrieved.

    There may be an issue with the Instagram access token that you are using. Your server might also be unable to connect to Instagram at this time.

    Error: No posts found.

    Make sure this account has posts available on instagram.com.

    Click here to troubleshoot

  • FOLLOW US