Ben & Jerry’s boicotta Israele: “No alla vendita di gelati nei Territori Palestinesi Occupati”

Avatar
Redazione
-
News

Ben & Jerry’s boicotta Israele: “No alla vendita di gelati nei Territori Palestinesi Occupati”

News
Avatar
Redazione

L’azienda di gelati americana Ben & Jerry’s ha annunciato che interromperà la vendita “nei Territori Palestinesi Occupati”, perché “ritenuta incoerente con i nostri valori”, ma comunque continuerà a operare “in Israele attraverso un accordo diverso”.

Ben & Jerry’s, però, non ha fatto una menzione specifica di quali siano i territori in questione. Un particolare non da poco, che non cambia una sostanza, sottolineata dalla società licenziataria in Israele che ha criticato la Ben & Jerry’s, la cui decisione è un boicottaggio dell’intero paese:

“La Ben & Jerry’s globale ha deciso di non rinnovare l’accordo con noi tra circa un anno e mezzo perché abbiamo rifiutato la loro pretesa di non vendere più in tutto Israele. Chiediamo al governo e ai consumatori israeliani di non sostenere questo boicottaggio di Israele. Questo è un passo senza precedenti da parte della Ben & Jerry’s globale. Il gelato non c’entra con la politica”.

Una scelta di campo quella della Ben & Jerry’s, salutata con favore dal BDS, che la ritiene “un passo decisivo verso la fine della complicità dell’azienda nell’occupazione israeliana e nelle violazioni dei diritti dei palestinesi”.

Non solo, perché la dichiarazione del movimento contro lo Stato ebraico si augura: “che Ben & Jerry’s abbia capito che, in armonia con i suoi impegni di giustizia sociale, non ci possono essere affari come al solito con l’apartheid Israele”.

Gran parte dei termini usata sono stati presi dalla narrativa contro Israele e il suo non diritto a esistere. Termini di cui molto spesso ci si abbevera, ma non in maniera equa.

Vediamo perché. All’interno del sito web della Ben & Jerry’s si può trovare una sezione dedicata ai valori dell’azienda, tra cui i “Pari diritti matrimoniali”, basati sulla credenza secondo cui tutte le coppie innamorate, di ogni genere, dovrebbero essere libere di sposarsi!”.

Il testo continua così:

“Ben & Jerry’s ha una lunga tradizione di impegno nei confronti della giustizia sociale, inclusi i diritti dei gay. Questo impegno affonda le radici nei valori fondanti della nostra azienda, che includono un profondo rispetto per gli individui che vivono all’interno e all’esterno di essa e un incrollabile convincimento del fatto che tutte le persone meritano pieni e pari diritti civili. Continueremo a lavorare con le associazioni senza scopo di lucro nostre partner per incentivare il consenso nell’opinione pubblica, far sentire la nostra voce e celebrare l’estensione dei pari diritti matrimoniali a nuovi stati e paesi”.

I diritti dei gay e parità di diritti civili non vengono rispettati dalle leadership palestinese, che hanno sempre messo al bando l’omosessualità, facendo una netta distinzione tra cittadini di Serie A e di Serie B.

Incoerenza? Antisemitismo? Oppure dietro al BDS c’è qualcuno di cui non è nota l’identità?

  • Progetto Dreyfus su Instagram

  • FOLLOW US