Arezzo, antisemitismo in chat scolastiche

Avatar
Redazione
-
News

Arezzo, antisemitismo in chat scolastiche

News
Avatar
Redazione

È polemica per l’ennesimo caso di intolleranza fra i banchi di scuola. A dire il vero, in questo caso sono le chat di studenti di medie e superiori di Arezzo a destare preoccupazione.

Chat in cui adolescenti fra i 12 e i 14 anni si scambiavano immagini e messaggi inneggianti a Hitler, contro gli ebrei e contro Anna Frank. A denunciare l’accaduto è stato un genitore, inorridito per i meme scambiati fra i giovani studenti.

I responsabili si sono difesi dalle accuse di razzismo sostenendo che il loro fosse “black humor”. Non tutti hanno condiviso, fra gli studenti c’è anche chi è uscito dal gruppo della chat inorridito per quanto stava leggendo.

Quanto successo fa tornare di moda la questione del ruolo della famiglia e della scuola nell’educazione e nell’istruzione degli adolescenti. Questione su cui è intervenuto Roberto Curtolo, dirigente dell’Ufficio scolastico provinciale di Arezzo, che ha condannato l’accaduto:

“In questo caso bisognerebbe chiamare in causa le famiglie. Sono loro la prima agenzia di formazione dei ragazzi. La scuola cerca di dare un indirizzo educativo, ma non sempre riesce nell’obiettivo. Non si possono trascurare i maggiori contesti di influenza per i giovani: i genitori. Senza contare gli amici coetanei e un’ulteriore fonte a cui si abbeverano avidamente: la Rete”.

A destare ancora più preoccupazione è il fatto che per molti ragazzi i messaggi scambiati rientrassero nel gioco e nella goliardia. È come se non si rendessero conto che milioni di persone siano morte nelle camere gas, come se quelle sofferenze non fossero mai esistite.

L’immagine di questo articolo è il simbolo del distacco della realtà che hanno i giovani responsabili. Ritrae Adolf Hitler con la scritta: “Mi piaci, farai la doccia per primo”.

Inquietante, ma vero. Gli adolescenti italiani credono di poter scherzare su chi ha ucciso i loro nonni.

I

  • Progetto Dreyfus su Instagram

  • FOLLOW US