Il Mossad pubblica offerte di lavoro su Facebook

Clara Salpietro
-
Israele, News

Il Mossad pubblica offerte di lavoro su Facebook

Israele, News
Clara Salpietro

Per pubblicizzare annunci di lavoro, Facebook è ormai diventato il social network più utilizzato. Tra i vari profili social in cui sono presenti offerte professionali, negli ultimi giorni una pagina in particolare sta suscitando molta attenzione ed è quella del Mossad.

Il sistema di informazione per la sicurezza esterna di Israele ha infatti creato una pagina Facebook dedicata solo alle proposte di assunzione. Dal 18 dicembre è online la pagina ufficiale “Istituto per l’Intelligence e servizi speciali – Careers”  che consente al Mossad di raggiungere un maggior numero di utenti e di potenziali candidati.

L’agenzia sta aumentando il proprio ambito di reclutamento adeguandosi all’era digitale con un linguaggio coinvolgente in varie lingue e una grafica moderna.

Il Mossad è stato un antesignano nella comunicazione verso l’esterno con la messa online del portale ufficiale www.mossad.gov.il e con la pubblicazione della sezione “Lavora con noi”. Qualche anno fa ha anche pubblicato annunci di reclutamento su giornali israeliani, a fine 2015 ha diffuso un video che pubblicizzava l’apertura del reclutamento di nuovi agenti in tutto il mondo e lo scorso luglio ha lanciato Libertad, un fondo di investimento per start-up che sviluppano tecnologie “innovative”.

Adesso sulla pagina Facebook ufficiale – al momento solo in ebraico – si trovano gli avvisi di assunzione, cliccando sui quali si viene rimandati al sito del Mossad dove è possibile candidarsi per la posizione ricercata e pubblicizzata.

La nuova pagina – si legge in una nota diramata dall’agenzia di intelligence israeliana – consentirà un processo di assunzione più efficiente, raggiungendo un pubblico più ampio e garantendo così l’assunzione di candidati più qualificati”.

Seguita da più di 8mila persone, la nuova pagina social si apre con il simbolo del Mossad: la Menorah attorno alla quale c’è la frase “Dove manca una saggia direzione, il popolo cade, ma nel gran numero dei consiglieri c’è la salvezza” (Proverbs 11,14).

Il primo post – che ha raggiunto 10mila visualizzazioni – è un video dinamico in cui sono presenti droni, operazioni segrete, pirateria e incontri ad alto livello ed una voce fuori campo che dice delle frasi realizzate ad hoc per attirare candidati, tra cui “La tua immaginazione è la mia vita“.

Se stai cercando un cambiamento di carriera entusiasmante – si legge in un post del 19 dicembre -, se hai sempre sognato ma mai osato, ti invitiamo a esaminare la possibilità di unirti a uno dei nostri numerosi percorsi di carriera. Stiamo cercando persone di qualità provenienti da diversi campi per ricoprire una serie di posti affascinanti e stimolanti”.

I ruoli disponibili nell’organizzazione sono molteplici e coprono molte aree di attività, come sicurezza informatica, economia, attività speciali, intelligence, tecnologia, logistica e molto altro.

Tutte posizioni appropriate per uomini e donne, a cui si aggiungono anche posti di lavoro per studenti, disabili e per coloro che sono interessati a lavorare all’estero.

Sotto ogni post non mancano i commenti, in varie lingue, di chi si sente pronto a diventare agente del Mossad, di chi chiede se c’è un limite di età per candidarsi per le offerte di lavoro e di chi dichiara di essere disponibile ad aiutare “Israele dall’Italia”.

Nella parte relative alle Informazioni è spiegata la mission dell’agenzia di intelligence.

L’Istituto per l’Intelligence e servizi speciali – scrive il Mossad – è un’organizzazione statale responsabile di attività segrete all’estero: raccoglie informazioni, contrasta armi non convenzionali e minacce terroristiche, effettua operazioni speciali, salva ebrei all’estero e fornisce intelligence al Primo ministro, al Governo e alla Difesa. Le sue attività mirano a proteggere la sicurezza dello Stato di Israele e a raggiungere gli obiettivi nazionali, che sono determinati dal Primo Ministro e dal Governo, soggetti alle leggi e ai valori dello Stato di Israele”.

  • Progetto Dreyfus su Instagram

  • FOLLOW US