Vignetta antisemita sul New York Times

Avatar
Redazione
-
Antisemitismo

Vignetta antisemita sul New York Times

Antisemitismo
Avatar
Redazione

Una vignetta antisemita è stata pubblicata dal New York Times, storico quotidiano americano fondato nel 1851. Quotidiano che prima dell’attentato alla sinagoga di San Diego ha ritratto Benjamin Netanyahu, fatto apparire come un cane, al guinzaglio di Donald Trump.

Con questa vergognosa immagine, la storica testata ha voluto sottolineare la “viscerale ammirazione” del premier israeliano nei confronti del presidente Usa, mettendo in ridicolo i consolidati rapporti fra i due.

L’episodio ha provato indignazione e polemiche in tutto il paese. Il presidente dell’American Jewish Committee, David Harris, ha definito “disgustose” le vignette:

“In una fase storica in cui gli ebrei sono di nuovo presi di mira e sono vittime di attentati, l’iniziativa del New York Times serve solo a gettare benzina sul fuoco e a rafforzare gli istinti antisemiti della popolazione.”

Molto dura anche la reazione dell’entourage di Trump, che per bocca del figlio primogenito ha stigmatizzato l’episodio:

“Nel suo delirio contro mio padre e i suoi estimatori, il New York Times ha persino riesumato l’antisemitismo più becero. Immaginate cosa sarebbe successo se quelle vignette fossero comparse su un giornale non di sinistra? Questi media radical-chic, dall’alto della loro sbandierata superiorità morale, sono sempre pronti a bollare come razzisti e fascisti i loro avversari. Quando invece sono proprio loro a utilizzare una retorica palesemente discriminatoria, allora si trincerano dietro il diritto di satira e la libertà di opinione.”

Le polemiche sono arrivate anche da Israele, dove il Jerusalem Post ha paragonato le vergognose caricature a quelle pubblicate dai giornali della Germania nazista all’interno della loro campagna anti-ebraica.

Il New York Times ha quasi 170 anni di storia. Secondo i dati, aggiornati a metà 2013, ha una diffusione cartacea pari a 731.395 e digitale pari a 1.133.923. Un colosso dell’editoria, che punta il dito contro i legami tra Israele e gli Usa, ritratti in maniera vergognosa.

Ma se chi dovrebbe informare il popolo attacca Israele, cosa ci dovremmo aspettare dalla gente comune nei confronti dello Stato ebraico?

  • Progetto Dreyfus su Instagram

  • FOLLOW US