ONU: Iran deciderà sui diritti delle donne, Neuer: “Come porre un piromane a capo dei pompieri”

Avatar
Micol AnticoliEditor & Event Manager
-
News

ONU: Iran deciderà sui diritti delle donne, Neuer: “Come porre un piromane a capo dei pompieri”

News
Avatar
Micol AnticoliEditor & Event Manager

Sposa bambina

No, non è un pesce d’aprile: l’Iran, cioè il regime degli Ayatollah, ha ottenuto un ruolo chiave all’interno dell’UN Women, cioè dell’agenzia mondiale per l’uguaglianza e l’emancipazione delle donne. A denunciare la decisione e a chiederne la condanna è Hillel Neuer, presidente dell’organizzazione UN Watch, il quale ha inviato una lettera al Segretario Ban Ki-moon e all’Alto rappresentante dell’Unione Europea Federica Mogherini.

Come ricorda Neuer, l’Iran è fra i paesi con i più alto tasso di matrimoni di bambine, violenze domestiche, velo forzato e disuguaglianza di genere. “È come porre un piromane a capo di una caserma di vigili del fuoco”, ha affermato.
Ma l’aspetto più inquietante è che il regime ha ottenuto 36 voti su un massimo di 54, insultando così tutte le donne iraniane vittime di discriminazioni e violenze, e legittimando uno stato che nella classifica dei paesi peggiori in materia di diritti delle donne si posiziona al 137° posto su 142 (secondo l’ultimo Gender Gap Global Index del World Economic Forum).

Donna iraniana manifestaLa discutibile disposizione, per usare un eufemismo, giunge poche settimane dopo la decisione della Commissione Annuale sui Diritti delle Donne delle Nazioni Unite, di condannare Israele per la condizione delle donne palestinesi. Per chi non ricordasse, si additava Israele per i notevoli ostacoli che le donne palestinesi incontrano “nell’accesso ai servizi di base, all’assistenza sanitaria, al supporto psicosociale, all’acqua e ai servizi igienico-sanitari, alle istituzioni di giustizia e alle opportunità economiche”.

La colpa dunque non è delle Nazioni Unite, ma di chi ancora ripone speranze in essa. D’altra parte, se tra Hamas e ANP il problema delle donne palestinesi è Israele – cioè lo stato più libero del Medio Oriente – come meravigliarsi se ad occuparsi dei diritti delle donne sarà un regime che permette a schifosi uomini di sposare bambine di 8 anni?

L’ennesima prova dell’ormai inutilità dell’ONU, divenuta una bassa passerella dove gli stati criminali sfilano come fossero civili e dove gli stati civili sono accusati per i crimini degli altri.

  • Progetto Dreyfus su Instagram

    This error message is only visible to WordPress admins

    Error: API requests are being delayed for this account. New posts will not be retrieved.

    There may be an issue with the Instagram access token that you are using. Your server might also be unable to connect to Instagram at this time.

    Error: No posts found.

    Make sure this account has posts available on instagram.com.

    Click here to troubleshoot

  • FOLLOW US