La lezione di Charlie non appresa dall’Europa

Simone Perugia
Simone Perugia
-
News

La lezione di Charlie non appresa dall’Europa

News
Simone Perugia
Simone Perugia

bataclan

Europa, dopo l’attentato di Charlie Hebdo ti sei indignata, hai fatto tanto clamore e sei diventata Charlie. Eppure avevi subito attentati anche peggiori. A Tolosa, per esempio, dove dei terroristi aprirono il fuoco contro una scuola uccidendo 4 persone, tra cui 3 bambini. Per carità, le libertà di stampa, di parola e di satira sono sacre, ma non sei d’accordo che ancor più sacra è la libertà di un bambino di poter andare a scuola senza essere ammazzato in nome dell’Islam? Ma certo, era una scuola ebraica, quindi non ti sei sentita toccata in prima persona.

Pensavi fosse un problema che non ti riguardasse, non era stata toccata LA TUA di libertà, ma quella degli ebrei. Poi, dì la verità, l’hai pensato che con quello che gli israeliani fanno ai palestinesi in fondo gli ebrei se la sono pure cercata. E quindi pensavi di essere al riparo. Ti sentivi immune. Per questo non sei diventata ‘Juif’. Non mi fraintendere, certo che ti sei indignata. Hai condannato e hai portato solidarietà. Ma non come dopo Charlie Hebdo. Perchè con Charlie Hebdo è stata attaccata LA TUA libertà di stampa, LA TUA libertà di satira, LA TUA libertà di parola. Dopo Charlie Hebdo ti sei sentita TU attaccata in prima persona.

Ho pensato: “Forse ora avrai capito, Europa, che noi ebrei, cristiani, occidentali, israeliani, americani, europei, democratici, siamo tutti toccati in prima persona quando attaccano uno di noi, combattiamo tutti la stessa battaglia contro la barbarie di Isis, Hamas, Hezbollah, Boko Haram, Al Qaeda.”

Eppure, due giorni dopo Charlie Hebdo c’è stato l’attentato al market kosher e di nuovo non sei diventata juif come due giorni prima eri invece diventata Charlie. L’hashtag “Je suis juif” non si è visto quasi per niente, “Je suis Charlie” era virale. Di nuovo erano stati attaccati gli ebrei e quindi non ti sei sentita colpita in prima persona. Erano passati 2 giorni, non 2 mesi, e la lezione l’avevi già dimenticata, o forse non l’hai mai imparata.
In Israele gli attentati sono all’ordine del giorno, le persone vengono accoltellate o investite con le auto mentre sono a passeggio. Israele combatte la tua stessa battaglia, combatte contro lo stesso odio, combatte per difendere le tue stesse libertà. Attaccano le scuole ebraiche e i market kosher così come attaccano Charlie Hebdo, lo Stade de France e il Bataclan. Attaccano Israele così come attaccano te, Europa. Per gli stessi motivi. Perchè siamo “infedeli”. Guarda cosa hanno fatto alla tua Parigi, mentre ti preoccupavi di boicottare la frutta israeliana.

L’avrai capito ora, che noi ebrei, cristiani, occidentali, israeliani, americani, europei, democratici, siamo tutti toccati in prima persona quando attaccano uno di noi?
Oggi sei diventata Paris, domani diventerai israélien o juif?

  • Progetto Dreyfus su Instagram

  • FOLLOW US