La distruzione di Gerusalemme in un nuovo video minaccia degli iraniani

Avatar
Mario Del MonteEditor
-
News

La distruzione di Gerusalemme in un nuovo video minaccia degli iraniani

News
Avatar
Mario Del MonteEditor

Una clip animata inneggiante alla distruzione di Israele è stata recentemente pubblicata su alcuni siti web collegati al regime iraniano. Nel video alcuni soldati guardano Gerusalemme in lontananza da una collina e si preparano per andare a conquistarla. La clip è stata girata con una computer grafica che ricorda quella dei videogames di metà anni ’90.

La sequenza si apre con dei primi piani di quattro soldati dal volto coperto mentre si allacciano gli stivali e preparano le loro armi. Sulle loro divise sono ben visibili gli stemmi delle Guardie Rivoluzionarie Iraniane, dell’organizzazione irachena Badr, delle Brigate Izz al-Din al-Qassam di Hamas e dei terroristi Hezbollah, quattro organizzazioni votate alla distruzione di Israele. L’inquadratura piano piano si allarga e mostra il gruppo di combattenti su una collina mentre scrutano Gerusalemme e la Moschea di al-Aqsa in attesa dell’ordine di attacco.

All’improvviso compare una linea di testo che recita “la nostra gioventù sicuramente vedrà arrivare quel giorno”, un chiaro riferimento alla distruzione di Israele per mano dei fedeli musulmani, “la sua scomparsa dagli annali della storia”.

Il video è stato rilasciato dalla Islamic Revolution Design House, un’organizzazione mediatica associata alle Guardie Rivoluzionarie Iraniane, il corpo militare dei Pasdaran fondato immediatamente dopo la Rivoluzione del 1979 alle dipendenze dell’Ayatollah Khamenei ma che in realtà ha ampliato notevolmente la sua sfera di indipendenza all’interno della società iraniana.

Pubblicata prima su Jamtube, un sito web iraniano che raccoglie video virali, e poi su Youtube, la clip porta il titolo “Preparazione alla completa distruzione di Israele da parte delle Guardie Rivoluzionarie islamiche in Iran”.

Si tratta dell’ennesima dimostrazione che il regime iraniano non ha nessuna intenzione di abbandonare la sua violenta retorica anti-israeliana e antisemita nonostante l’apertura alla diplomazia mondiale avvenuta con l’accordo sul programma nucleare a Vienna lo scorso Luglio. L’Iran continua ad essere il principale sponsor di organizzazioni terroristiche come Hezbollah in Libano e Hamas a Gaza; inoltre è l’unico Stato che ancora supporta apertamente il sanguinario regime di Bashar al-Assad in Siria. Per questo molti critici del patto di Vienna avvertono che rimuovendo le sanzioni che colpivano l’economia iraniana l’Occidente rischia di vedere notevolmente incrementate le risorse che la Repubblica Islamica destina annualmente a queste organizzazioni terroristiche che operano sotto il suo patrocinio.

  • Progetto Dreyfus su Instagram

  • FOLLOW US